Troppo amici

Acquista su Ibs.it   Dvd Troppo amici  
Un film di Olivier Nakache, Eric Toledano. Con Vincent Elbaz, Isabelle Carré, François-Xavier Demaison, Audrey Dana, Omar Sy.
continua»
Titolo originale Tellement proches. Commedia, durata 102 min. - Francia 2009. - Moviemax uscita giovedì 6 dicembre 2012. MYMONETRO Troppo amici * * 1/2 - - valutazione media: 2,77 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,77/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * - - -
   
   
Quando Alain ha sposato Nathalie non sapeva che avrebbe sposato anche tutta la sua famiglia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Buona prova generale per Quasi amici, una commedia sul senso e l'importanza della famiglia
Marco Chiani     * * * - -

Ex animatore allergico al posto fisso, Alain è sposato con Nathalie, direttrice di un supermarket, da cui ha avuto due figli, l’esagitato Lucien e il neonato Prosper. Ai problemi di stabilità della coppia si somma l’invadenza dei parenti della donna: le storie del fratello Jean-Pierre, avvocato d’ufficio in crisi economica, e dell’ignara cognata Catherine, prototipo della mamma borghese e antipatica, della fragile sorella Roxane e del quasi-fidanzato Bruno, affascinante medico di colore puntualmente scambiato per infermiere che accetta di accompagnarla ad una cena di famiglia poco dopo averla conosciuta.
Dietro al ritratto di un gruppo di persone accomunate da legami di sangue, Troppo amici tratta della difficoltà della crescita e del peso delle aspirazioni (mancate). Ogni personaggio, a partire da quell’Alain attraverso il quale ci caliamo nella vicenda, difatti è dipendente da un altro oppure perso appresso ad un sogno che non si è realizzato. Se i tre fratelli hanno modo di esistere solo tutti insieme, “come le cozze a uno scoglio” stando alle parole di Alain, quest’ultimo mal sopporta una dipendenza che esclude, per forza di cose, l’egocentrismo sul quale si basa il lavoro dell’uomo di spettacolo: i ricordi della sua carriera da animatore, i video delle esibizioni come le magliette con il nome d’arte Pipo in bella mostra rappresentano per il figlio Lucien un affrancamento dalla normalità, un antidoto alla durezza di una realtà in cui si deve affrontare la separazione di due genitori. Le caratteristiche migliori del film diretto da Eric Toledano e Olivier Nakache sono la disinvoltura nell’affrontare i diversi e complessi temi proposti, il brio della messa in scena, la cura delle trovate comiche (la cornice pakistana o quella ebraica che rimandano ad altri tipi di racconto). Nonostante una coda che pur chiarificando l’asse portante della storia nel rapporto padre-figlio rappresenta una discesa nella retorica più fastidiosa, siamo di fronte ad un lavoro in grado di intrattenere in maniera intelligente grazie alla precisione della scrittura e a una notevole capacità di sintesi, si pensi alla scena iniziale o alla situazione-tipo della cena.
Dalla commedia pura all'umorismo più sottile fino alla commozione, le avventure di questa famiglia disfunzionale che assomiglia a mille altre rappresentano, nel percorso dei due registi, la prova generale per il più riuscito Quasi amici, il cui successo ai botteghini italiani giustifica il ripescaggio – nello stesso 2012 – di questo titolo di tre anni più vecchio. In una compagnia d’attori variamente capace spicca il medico di origine senegalese interpretato da Omar Sy.

Incassi Troppo amici
Primo Weekend Italia: € 186.000
Sei d'accordo con la recensione di Marco Chiani?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
56%
No
44%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Showtime:
martedì 28 ottobre 2014 alle ore 21,10 in TV su SKYCINEMAHITS
Scopri gli altri film in televisione »
* * - - -

Amici caotici alla ricerca di sè

venerdì 7 dicembre 2012 di donni romani

Dopo il successo di "Quasi amici" era quasi d'obbligo andare a ripescare l'opera precedente di Nakache e Toledano, e così ecco "Troppo amici" che anche titolo richiama palesemente il successo dell'altra pellicola. Decisamente meno intonato però questo ritratto di famiglia in più interni, quasi che ognuno suonasse una melodia diversa e che la sovrapposizione delle partiture desse vita ad una dissonante composizione a troppe voci, a troppe paradossali deviazioni, a troppi scarti narrativi. Al centro continua »

* * * - -

Carino nel complesso

sabato 19 luglio 2014 di Trammina93

Il film è totalmente diverso da Quasi amici, hanno stili completamente diversi però non per questo non è da vedere. Ovviamente Quasi amici è un capolavoro e questo film non ne è all'altezza però è stata furba la scelta italiana di mandare nelle sale cinematografiche questo film (precedente a Quasi amici) dopo l'onda del successo di Quasi amici così da attirare più gente. Il film non ha niente in comune con Quasi amici, solo un continua »

"Le storie possono cominciare male e finire bene."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

VIDEO | Una clip della divertente commedia di Olivier Nakache e Eric Toledano.

Una scuola guida tutta pazza

mercoledì 5 dicembre 2012 - Nicoletta Dose

Troppo amici, una scuola guida tutta pazza Da Olivier Nakache e Eric Toledano, i registi del film di straordinario successo Quasi amici, arriva in Italia il loro film precedente, Troppo amici (in lingua originale il titolo è Tellement proches, letteralmente "Troppo vicini"). Il film racconta la storia di Alain (Vincent Elbaz) che ha sposato Nathalie (Isabelle Carré) non sapendo che avrebbe sposato anche tutta la sua famiglia. C'è Jean-Pierre (Francois-Xavier Demaison), il cognato accompagnato dalla moglie Catherine (Audrey Dana) e la perfettissima nipote Gaëlle.

   

"Troppo" o "quasi" quegli amici hanno ritmo e velocità

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Con presunta furbizia la distribuzione italiana fa uscire oggi intitolandolo Troppo amici (in realtà il titolo è Tellement proches) il film che la coppia Toledano Nakache aveva realizzato prima del fortunatissimo Quasi amici. Dunque non è un "seguito" e il titolo trae in inganno. Detto questo, si tratta di una commedia agrodolce, più agro che dolce, su quell'ingombrante e in certi casi feroce istituzione che è la famiglia. Dopo un preambolo da incubo in un centro commerciale la vicenda parte da una cena altrettanto da incubo che riunisce i tre fratelli Jean Pierre, Nathalie e Roxane. »

A lezione di cinema da Toledano e Nakache

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Non commettete l'errore di considerarlo come il sequel del meraviglioso Quasi Amici perché, anche se lm inano è sempre quella congiunta di Eric Toledano e Olivier Nakache, il simpatico Troppo amici, da oggi nelle sale, è stato girato, in realtà, due anni prima. In effetti, pur con risultati più che brillanti, Tellement Proches (il titolo originario) è meno rivoluzionario e «cult» dell' inavvicinabile trionfatore, di pubblico e critica, che è stato, quest'anno, lntouchables. Consideriamolo, quindi, quasi una sorta di prova, un ernbrione che ha poi permesso alla coppia di registi di sfornare, un biennio dopo, un capolavoro di commedia. »

Tornano Nakache & Toledano con altri due carissimi nemici

di Francesco Alò Il Messaggero

Troppo bravi Nakache e Toledano. Oscuri carneadi dalle nostre parti fino al successo planetario di Quasi amici (316 milioni di euro di incasso nel mondo), i due registi tornano domani nelle sale italiane con Troppo amici, titolo italiano furbo e fedele (Tellement proches: letteralmente Troppo intimi) di una loro pellicola addirittura del 2009. Difficile stare dietro alla trama vorticosa. Ma ci proviamo: ex animatore turistico in piena andropausa, con moglie stanca e figlio piccolo ipercinetico, entra in collisione con la vita altrettanto complicata del fratello della consorte: avvocaticchio di periferia esaltato dal vivere a Créteil, nel complesso noto come «Pannocchie di mais» della banlieue estrema (location esilarante per affascinante bruttezza). »

La classica commedia sull'importanza della famiglia

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

I nomi dei due registi, Nakache e Toledano, e quello dell'interprete di colore, Omar Sy, potrebbero far pensare a un seguito di «Quasi amici», il film francese andato incontro anche da noi a un successo straordinario, con il ricco paralitico e il suo badante quasi povero che componevano, soprattutto alla fine, un duetto commovente. Non si tratta, invece, di un seguito ma di una storia che ci dice di eventi accaduti prima di quelli noti e senza alcun collegamento. Omar Sy, adesso, è un giovane medico di un ospedale parigino coinvolto nella vicenda attorno alla quale tutto si snoda solo perché una ragazza di una delle due famiglie al centro si è innamorata di lui e farà l'impossibile per sposarselo. »

Troppo amici | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marco Chiani
Pubblico (per gradimento)
  1° | trammina93
  2° | donni romani
Trailer
1 | 2 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 6 dicembre 2012
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità