Motel Woodstock

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Motel Woodstock   Dvd Motel Woodstock   Blu-Ray Motel Woodstock  
Un film di Ang Lee. Con Demetri Martin, Dan Fogler, Henry Goodman, Jonathan Groff, Eugene Levy.
continua»
Titolo originale Taking Woodstock. Commedia, durata 121 min. - USA 2009. - Bim Distribuzione uscita venerdì 9 ottobre 2009. MYMONETRO Motel Woodstock * * 1/2 - - valutazione media: 2,98 su 33 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,98/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
La vitale epopea di Woodstock riletta da un punto di vista inusuale e nostalgico
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Elliot Theichberg lavora come arredatore al Greenwich Village ed è impegnato sul fronte del riconoscimento dei diritti degli omosessuali. Ha però un grosso problema perchè i suoi genitori Jake e Sonia (due ebrei fuggiti dall'Europa dell'Est) stanno per perdere, a causa dei debiti, il decrepito motel che gestiscono a Catskill. Le soluzioni non sembrano a portata di mano fino a quando giunge la notizia che gli organizzatori di un'importante manifestazione musicale si sono visti ritirare l'autorizzazione dalla municipalità di Wallkill. Elliot telefona, offre il motel come base e presenta il vicino proprietario di un terreno di 600 acri. I 'mitici' 3 giorni di Pace e Musica stanno per realizzarsi.
Ci sono film d'occasione che tali sono e tali rimangono. Si sfrutta cioè l'opportunità di un anniversario per tuffarsi nella rievocazione nostalgica o illustrativa di un evento. Ricorrendo i quarant'anni da quando ebbe luogo l'epocale concerto di Woodstock si poteva pensare che un Ang Lee in surplace avesse accettato di fare un film quasi su commissione. Non è affatto così. Quasi fosse tornato alle sue origini conosciute in Occidente (ricordate Banchetto di nozze?) il regista coglie l'occasione per rileggere da un punto di vista inusuale l'epopea di Woodstock non rinunciando a uno sguardo critico, anche se sorridente, nei confronti dell'istituzione familiare.
Woodstock ha rappresentato per lui gli ultimi momenti di innocenza di una civiltà che metteva piede sulla Luna ma stava affontando un futuro carico di incognite. Il raccontare il grande evento collettivo dal punto di vista di Elliot Tiber vuol dire scegliere lo sguardo di colui che ci vide un'opportunità personale ancor prima di rendersi conto del valore che quei tre giorni avrebbero finito con l'assumere per la cultura tout court. Tiber ha scritto con Tom Monte il libro "Taking Woodstock. A True Story of a Riot, A Concert and a Life" ed Ang Lee prende le mosse dalla sua testimonianza non per raccontare il concerto (lo ha già fatto con grande adesione Michael Wadleigh che aveva tra gli aiuti un ragazzo che si chiamava Martin Scorsese) ma per descrivere una società. Lo fa attraverso una moltitudine di personaggi e di figuranti ognuno dei quali finisce con il rappresentare una delle facce di quel prisma che erano gli Stati Uniti all'epoca.
Si sorride e si ride (grazie anche alla superba caratterizzazione di Imelda Staunton nei panni della taccagna e iperattiva madre di Elliot). Ma soprattutto si percepiscono la vitalità e l'energia di un universo giovanile che, nonostante il Vietnam o forse anche grazie a quell'orrore insensato, sentiva ancora il bisogno di credere in un'utopia pacifista che sembrava però traducibile in realtà. Ang Lee non ha alcuna intenzione di proporre una lettura acritica dell'epoca. Ecco allora che al seguito dell'ideatore trasgressivo simile a un Jim Morrison in versione hippie ci sono le limousine nere da cui escono manager in giacca e cravatta. Come afferma Woody Allen si chiama Show Business perchè senza il business non c'è lo show. Alla fine resta però la sensazione di un sipario calato su uomini e donne forse ingenui ma sicuramente sinceri nelle loro aspirazioni. Una tipologia di esseri umani di cui, nonostante tutti gli eccessi loro attribuibili, il mondo ha sempre bisogno.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
MOTEL WOODSTOCK
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Premi e nomination Motel Woodstock MYmovies
Motel Woodstock recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
* * * * -

Un viaggio al centro dell’universo

sabato 10 ottobre 2009 di Lisbeth

Intorno alla musica e interno alla musica,il film non celebra anniversari né racconta “come eravamo” a quei figli dei fiori,oggi anziani signori, incapaci di credere che le favole non abbiano sempre un lieto fine. Ang Lee presenta invece un pezzo di storia d’America,che poi è pure storia nostra,con le contraddizioni che abbiamo imparato a conoscere nei quaranta anni successivi,anche grazie al cinema:l’America che sbarcava sulla luna e mandava a morire nelle paludi del Vietnam,gridava “freedom” continua »

* * * - -

Il retroscena dolceamaro di un evento epocale

martedì 15 dicembre 2009 di Fabian T.

Bisogna dirlo subito, film come "Motel Woodstock" sono sempre più rari a vedersi e il merito di Ang Lee è stato anzitutto quello di non cedere alla spettacolarizzazione o ai luoghi comuni che pullulano nel Cinema di oggi. La sua è un'opera quasi in sordina, sottile, affascinante, curatissima nei particolari, armoniosa e vagamente psichedelica. Sembrerebbe una commedia a sfondo musicale quando invece non lo è perché il tutto ruota non attorno ai miti del rock di Woodstock, o a ciò che la civiltà continua »

* * * * -

Il tocco lieve del miglior ang lee.

venerdì 12 febbraio 2010 di slowfilm.splinder.com

Avevo una sensazione legata ad un film visto qualche giorno fa, ma ci ho messo un po’ a ricordare quale fosse. È più o meno questa la cifra stilistica di Motel Woodstock: volatilità, scarsa consistenza. Che non sono caratteristiche negative, quanto vicine alle qualità che nel 1994 avevano fatto di Mangiare Bere Uomo Donna un film gradevole e particolare. Anche questo, pur avendolo visto più volte, continuo a ricordarlo per la preparazione e la cottura di alcune splendide anatre, più che per la soluzione continua »

* * * - -

Magari c'andassimo...

mercoledì 22 settembre 2010 di volevosolodiventare

Motel Woodstock mi è piaciuto. Molto. Non urlerei certamente al capolavoro, né al film che se non lo vedi vivi peggio e in punto di morte c’hai da rimpiangerlo e augurarti che esista un UCI Cinema nell’aldilà - però è veramente, ma veramente carino. Anzi, CA-RIII-NO, con smorfia annessa. Un film simpatico, leggero, naturalmente ruffiano, con una colonna sonora che suona, decisa, le corde di una cultura generale continua »

Vilma (Liev Schreiber)
Io so cosa sono,e questo rende tutto più facile.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Elliot Theichberg
La libertà va considerata ... equivalente all'espressione essere liberi; quindi non ci saranno treni per la libertà
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Tisha (Mamie Gummer)
la prospettiva è proprio ciò che esclude l'universo; tutti con le loro piccole prospettive,così si esclude l'amore
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Motel Woodstock

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 17 febbraio 2010

Cover Dvd Motel Woodstock A partire da mercoledì 17 febbraio 2010 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Motel Woodstock di Ang Lee con Demetri Martin, Dan Fogler, Henry Goodman, Jonathan Groff. Distribuito da 01 Distribution. Su internet Motel Woodstock è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 7,99 €
Aquista on line il dvd del film Motel Woodstock

SOUNDTRACK | Motel Woodstock

La colonna sonora del film * * * * -

Disponibile on line da venerdì 28 agosto 2009

Cover CD Motel Woodstock A partire da venerdì 28 agosto 2009 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Motel Woodstock del regista. Ang Lee Distribuita da Rhino Records, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Internazionale.

APPROFONDIMENTI | Uno scanzonato viaggio indietro nel tempo.

Il film

giovedì 8 ottobre 2009 - Pressbook

Motel Woodstock, il film Tratto dall'omonima autobiografia di Elliot Tiber, Motel Woodstock è il nuovo film del regista premio Oscar Ang Lee. Un trip! - per dirla con gli hippies dell'epoca. DEMETRI MARTIN è Elliot, l'uomo che involontariamente ha contribuito a trasformare il leggendario Festival di Woodstock del '69 in quell'immenso happening che è diventato. Con un cast straordinario, e brani dei gruppi di culto degli anni Sessanta, come i Grateful Dead, i Doors, i Jefferson Airplane e Country Joe and the Fish (oltre a una nuova registrazione di "Freedom" di Richie Havens), Motel Woodstock è uno scanzonato viaggio indietro nel tempo - un tempo in cui tutto sembrava possibile.

INCONTRI | Ang Lee torna alla commedia per scrollarsi di dosso la 'pesantezza' del dramma.

La leggerezza dell'innocenza

mercoledì 7 ottobre 2009 - Tirza Bonifazi Tognazzi

Motel Woodstock: la leggerezza dell'innocenza Il cinema di Ang Lee, è noto, spazia tra epoche, generi e derivazioni regalando storie abitate da uomini e donne straordinari. Straordinario era lo chef/padre di Mangiare bere uomo donna che aveva perso il senso del gusto, la romantica eroina di Jane Austen in Ragione e sentimento, i cowboy amanti di Brokeback Mountain, Hulk, la famiglia disfunzionale di Tempesta di ghiaccio e straordinario è lo storico evento – la tre giorni di pace e musica già immortalata nel documentario premio Oscar Woodstock – che fa da sfondo alla nuova commedia del regista di Taiwan.

LIBRI | Ang Lee attraverso questo libro è sbarcato a Woodstock, nello straordinario 1969.

Il libro

lunedì 26 ottobre 2009 - Fabio Secchi Frau

Taking Woodstock, il libro Non si muore dal ridere, ma poco ci manca. "Taking Woodstock – L'avventura eroicomica del ragazzo" che salvò il Festival, è uno dei libri più freschi che siano in circolazione nelle nostre librerie. Elliot Tiber con l'aiuto di Tom Monte e della sua scrittura straordinaria ripercorre quel balletto di avventure e disavventure che lo legarono a uno dei più grandi eventi storici, musicali e sociali del secolo appena passato: il concerto di Woodstock del 1969. Cosa accadde prima, dietro e dopo le esibizioni di Joan Baez, Santana, Janis Joplin, Who e Jimi Hendrix ce lo spiega proprio questo maturo signore ebreo, che allora era poco più che un ragazzo.

di Elisa Battistini Il Fatto Quotidiano

Ang Lee si diverte e regala agli spettatori un piacevole viaggio nel 1969. Con Motel Woodstock il regista di La tigre e il dragone dimostra ancora una volta il suo eclettismo e la capacità di muoversi tra i generi. Dopo i drammi che gli hanno fruttato due Leoni d'oro (Brokeback mountain e Lussuria) Ang Lee mette in scena un bel romanzo di formazione dallo sfondo leggendario, quello del concerto che cambiò la storia della cultura americana (e non solo). L'operazione riesce: Motel Woodstock è un gioiellino di scintillante malinconia. »

Com'è bella la Woodstock di Ang Lee vista da lontano

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Il raduno pop più famoso della storia visto con gli occhi di un giovanotto che non canta, non suona, non fuma erba, non porta nemmeno i capelli lunghi e vive ancora con mamma e papà. I famosi "tre giorni di pace, amore e musica" a cui si sono abbeverate almeno un paio di generazioni, rievocati da un film che osserva l'evento da lontano, come attraverso un cannocchiale rovesciato, ma ne coglie le vibrazioni più intime, le note profonde, l'onda che avrebbe continuato a propagarsi ben oltre l'agosto 1969. »

I segreti di quel mega-concerto

di Luciana Vecchioli L'Altro

Woodstock come non lo avete mai visto. Senza star, senza Jimi Hendrix, Janis Joplin o Joe Cocker. A quarant'anni dallo storico concerto ecco un bel film che racconta come è nato uno degli eventi più famosi della storia della musica e non solo. Tratto dal libro autobiografico di Elliot Tiber, è la storia di un ragazzo di provincia che per rilanciare il fatiscente hotel di famiglia creò le condizioni per realizzare il memorabile raduno. Dopo la rinuncia della cittadina di Wallkill (dove ancora si mordono le mani), Elliot contatta gli organizzatori ed offre l'hotel come base per l'evento. »

Ang Lee dissacra Woodstock: più business che rock pacifista

di Maurizio Cabona Il Giornale

Ferragosto 1969 arrivò nell’eco dello sbarco - reale o simulato, come sostiene il film Capricorn One? - americano sulla Luna e delle bombe, quelle reali, sul Vietnam e sulla Cambogia. Capo dello Stato in Italia era Saragat: per fargli piacere, la Rai fingeva che l’Italia fosse una socialdemocrazia scandinava. La primavera ’68 era passata solo per il calendario, in attesa del autunno caldo del ’69. Insomma l’Italia, abilmente sottrattasi alla guerra americana in Indocina, viveva un concitato adattamento al benessere. »

Motel Woodstock | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 |
Link esterni
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità