Babylon A.D.

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Babylon A.D.   Dvd Babylon A.D.  
Un film di Mathieu Kassovitz. Con Vin Diesel, Michelle Yeoh, Melanie Thierry, Gérard Depardieu, Charlotte Rampling.
continua»
Azione, Ratings: Kids+13, durata 90 min. - USA, Francia 2008. - Moviemax uscita venerdì 24 ottobre 2008. MYMONETRO Babylon A.D. * 1/2 - - - valutazione media: 1,89 su 105 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato no!
1,89/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * - - -
 critica * - - - -
 pubblico * * - - -
   
   
   
Il mercenario veterano di guerra Toorop accetta l'incarico di scortare una misteriosa giovane donna dalla Russia a New York. Non sa però che la sua compagna di viaggio ha subitouna terribile manipolazione genetica.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Sintesi compressa e caotica dei temi ricorrenti dell'odierna fantascienza
Marianna Cappi     * * - - -

In un futuro non troppo lontano, Toorop è un mercenario americano silenzioso ed efficiente, sopravvissuto alle guerre che hanno devastato il mondo all'inizio del ventunesimo secolo. Bandito dal suo paese, stanco, impermeabile alle illusioni e deciso a ritirarsi, viene contattato da un pezzo grosso della mafia russa per una missione di estrema importanza: scortare da Mosca a New York una ragazzina di nome Aurora e consegnarla alla papessa di una nuova e potente religione. Poche spiegazioni, molti misteri, troppi soldi. Ma Toorop accetta.
Dalle seicento pagine del thriller futuristico "Babylon Babies" di Maurice Dantec, Mathieu Kassovitz estrae i novanta minuti di Babylon A.D., pellicola a base di ipercinetismo delle immagini e sintesi narrativa degli ultimi punti fermi del genere, dalla pioggia acida di Blade Runner allo spunto che già mosse I Figli degli Uomini di Cuaròn. La compressione, però, è massima e la qualità ne risente.
Ottenuto con Gothika e il suo parterre di stelle (e strisce) il permesso di soggiorno presso i grandi studios e il nulla osta per capitanare un film high budget come B.A.D., il regista francese si è parallelamente aggiudicato una discreta dose di diffidenza da parte dello spettatore esigente, che lo ha visto dimenticare in fretta gli esordi promettenti a favore di pellicole di sicuro richiamo ma di esito incerto.
Qui Kassovitz conferma l'attitudine spiccata per l'azione e il possesso di un cronometro personalizzato, che non solo rispetta ma crea tempi e scarti esatti. Dice la sua anche in termini di cast: Michelle Yeoh, Charlotte Rampling, Gérard Depardieu e Lambert Wilson sono le salde colonne al centro delle quali può azzardare l'inserimento di Vin Diesel, decisamente più efficace in lingua originale.
Attori speciali, effetti speciali, una storia che ruota attorno a un essere speciale, geneticamente modificato per salvare o annientare quel che resta della nostra specie: grandi pretese e non poca confusione, per un'opera che non riscrive la storia e non entra in quella del cinema. Dopo un inizio folgorante, che ci ricorda l'abilità dell'autore nel descrivere con occhio antropologico i mondi ai margini, il film inciampa in ogni trappola della retorica e ben presto vende il cuore per un surplus di stucchi e pittura.
Babylon A.D. è il Quinto Elemento di un cineasta che si è avviato sulla terza via inaugurata da Luc Besson, possibile ma più che mai rischiosa. Con una differenza: là Milla Jovovich piangeva sincera sul mondo, qui sgorgano lacrime artificiali.

Stampa in PDF

Premi e nomination Babylon A.D. MYmovies
il MORANDINI
Babylon A.D. recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Babylon A.D.
Primo Weekend Italia: € 1.049.000
Incasso Totale* Italia: € 2.644.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 23 novembre 2008
Primo Weekend Usa: $ 9.700.000
Incasso Totale* Usa: $ 21.695.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 21 settembre 2008
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
67%
No
33%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* - - - -

Un film completamente senza senso

giovedì 12 marzo 2009 di basta cinespazzatura

90 minuti di nulla (francamente riuscire a vedere tutti i 90 minuti vuol dire avere un alto tasso di resistenza)... guardare uno schermo bianco da molte più soddisfazioni... un film senza capo ne coda ne tantomeno sostanza; ad iniziare dal protagonista, il classico mercenario, tutto muscoli, (ma anche con quel po' di cervello che basta per sopravvivere in un mondo spietato), senza alcun legame, diffidente sia verso i nemici che verso i amici,il cui unico valore è quello impresso sulle banconote, continua »

* * * - -

Lontano dal capolavoro come dalla schifezza

sabato 25 ottobre 2008 di steve

Un'umanita' spezzata e stracciona, che sopravvive in baraccopoli ai limiti del mondo, vicino a zone radioattive, lande innevate sorvegliate da droni da guerra, anche se non si capisce da chi dovrebbero difendersi, ma forse e' proprio qui, il non fidarsi mai di nessuno, una delle chiavi del film, sfiducia e stanchezza, come quelle che animano il protagonista, che lo trascinano in quest'ultima missione che forse lo portera' verso il meritato riposo, di guerriero e di uomo. Al di la' di una Russia continua »

* - - - -

Kolossal di epica confusione

venerdì 22 ottobre 2010 di Tony Montana

Ci sono registi che fanno il botto con un film bello e/o importante e poi si perdono, e ci sono registi che fanno il botto e proprio per questo vengono chiamati da produzioni, industrie e filmografie più ricche per sfruttarne il talento, e anche qui, i risultati sono sempre – almeno – discutibili. E poi c’è chi decide consciamente di trasferirsi in un altro paese, esportando una sua propria factory, e realizzare prodotti nella massima indipendenza economica. Esempi continua »

* - - - -

Un disastro

giovedì 19 marzo 2009 di il critico

un disastro un autentico disastro ci sono 70 000 cose che non ho capito nel film come per esempio all'inizio spara a quel mercenario perchè non ha rispettato le regole e l'ho spara va bene ok fin qui tutto in ordine ma dopo è che diventa un disastro per esempio in tutto il film (almeno io) non ho capito che razza di potere abbia apparte quando alla fine distrugge quel missile davanti ai suoi occhi alcune scene sono scollegate da tutta la trama il protagonista praticamente invincibile (lotta contro continua »

Toorop
A salvare il mondo fu un bambino una volta...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aurora e Toorop
Aurora: Davvero mi ucciderai e brucerai il mio corpo?
Toorop: spero di no…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Toorop
Quando non distingui gli amici dai nemici, è arrivato il momento di ritirarsi!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Babylon A.D. oppure Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | Babylon A.D.

La colonna sonora del film

Disponibile on line da giovedì 20 novembre 2008

Cover CD Babylon A.D. A partire da giovedì 20 novembre 2008 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Babylon A.D. del regista. Mathieu Kassovitz Distribuita da Varèse Sarabande.

APPROFONDIMENTI | Un incarico ad alto rischio.

Il film

giovedì 16 ottobre 2008 - Pressbook

Babylon A.D., il film Toorop (Vin Diesel) ha combattuto molte battaglie ed è sopravvissuto alle guerre che devastano il mondo dall'inizio del 21° secolo. La Mafia che controlla l'Europa dell'Est affida a questo mercenario un incarico ad alto rischio: scortare una misteriosa giovane donna di nome Aurora (Mélanie Thierry) da un monastero in Mongolia fino al cuore di Manhattan. La ragazza che ha appena compiuto 18 anni, è nata nel monastero e non ne è mai uscita, sempre sorvegliata a vista dalla sua tutrice Suor Rebecca (Michelle Yeoh).

MAKING OF | Dove comincia e dove finisce l'immginazione nel nuovo film di Mathieu Kassovitz.

Una visione del futuro che è già realtà?

martedì 21 ottobre 2008 - Gabriele Niola

Babylon A.D. Una visione del futuro che è già realtà? L'ultimo film di Mathieu Kassovitz propone un futuro distopico molto vicino ad altri esempi cinematografici recenti e non (dalle suggestioni robotiche di Blade Runner, alla presenza militare nelle città di I figli degli uomini) tentando, nella costruzione di una società futuribile, una rinnovata sintesi tra tecnologie e tendenze del presente e le possibili evoluzioni future. Spesso sembra che il cinema e la letteratura di fantascienza siano in grado di anticipare il futuro, in realtà è più corretto dire che sono in grado di influenzarlo.

Vin Diesel un eroe rude solo contro l'apocalisse ma finisce in una parodia

di Boris Sollazzo DNews

Ci sono quei film che aspetti con paura e speranza. Babylon A.D. è tra questi, film catastrofico e "cafone" diretto da quel geniaccio di Mathieu Kassovitz e interpretato dal divo muscolare Vin Diesel, già protagonista di diversi cult del genere, sempre in bilico tra azione, ironia e gustosissimo trash. E qui c'erano tutti gli ingredienti adatti: Vin è Toorop, un mercenario nichilista, Melanine Thierry un'angelica damigella in pericolo che tutti vorrebbero morta, forse persino lui, il plot saccheggia ovunque può, da Blade Runner a, soprattutto, I figli degli uomini, con dialoghi arroganti e improbabili che cercano l'esagerazione e l'empatia del pubblico. »

Un minestrone di botte e virus

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Altro giro, altra (colossale) bufala. Ovvero il frenetico poliziesco fantascientifico del pregiudicato, cinematografico, francese Mathieu Kassovitz. Il rude mercenario Toorop (Vin Diesel) preleva da un convento in Mongolia una candida ragazzina, portatrice di un virusmortale, per trasportarla a New York. Con loro l’ex Bond girl MichelleYeoh, la suora più manesca di sempre. Unastoria folle, dove s’infilano l’uomo cannone Gérard Depardieu, improbabile mafioso russo, e la segaligna Charlotte Rampling, gran sacerdotessa del Male. »

Vin Diesel stars in the sci-fi adventure that has a violent and confusing plot that's all too familiar

di Michael Ordoña The Los Angeles Times

The gritty world-weariness that informs the first 10 minutes of the new sci-fi adventure "Babylon A.D." promises something along the lines of the daring, socially inquisitive "Children of Men," with the bonus of Vin Diesel killing people. Unfortunately, the film quickly degenerates into chases and gunfights and not much else. This is not a terrible movie, but it's too familiar by half and too confusing by a third. Director Mathieu Kassovitz, best known stateside as Audrey Tautou's love interest in "Amelie" but also respected in Europe as a filmmaker ("La Haine"), does have a vision beyond the usual genre schlock. »

Più che un vero film una striscia a fumetti

di Roberto Nepoti La Repubblica

Col suo film L' odio, sulle gesta dei casseur delle periferie parigine, Mathieu Kassovitz si era segnalato come un talento dei più promettenti. Tredici anni (e parecchie delusioni) dopo, eccolo responsabile della regia di un fantasy futuribile artificioso, dal cast fitto di nomi di richiamo compressi in ruoli stereotipati, deludente anche nelle sequenze d' azione. Tratto dal romanzo di Maurice G. Dantec, il soggetto racconta di un mercenario che, nell' immancabile futuro apocalittico, ha il difficile incarico di scortare una misteriosa fanciulla fin nelle mani di una potente setta religiosa. »

Babylon A.D. | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | basta cinespazzatura
  2° | steve
  3° | andyflash77
  4° | tony montana
  5° | il critico
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Sito ufficiale
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità