L'ultimo padrino

Acquista su Ibs.it   Dvd L'ultimo padrino  
Un film di Marco Risi. Con Michele Placido, Daniele Pecci, Marco Leonardi, Nino Frassica, Mimmo Mignemi.
continua»
Formato Serie TV, Drammatico, - Italia 2007. MYMONETRO L'ultimo padrino * * * - - valutazione media: 3,22 su 41 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,22/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Le scrupolose indagini della squadra "Duomo" capitanata da "Sanna", sulle tracce del più famoso latitante di mafia del mondo, Bernardo Provenzano.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Il volto onesto e la passione attoriale di Michele Placido umanizzano oltremodo Provenzano. Vero. Ma danno anche ragione della sua terribile verità umana
Marianna Cappi     * * * - -
Locandina L'ultimo padrino

Dopo Il capo dei capi Taodue porta sugli schermi L'Ultimo Padrino. Dopo Totò Riina, infatti, è Bernardo Provenzano il corleonese rimasto a capo di Cosa Nostra. Di "iddu", "lo zio", non si sa quasi nulla, solo che ha ricostruito solidamente le basi della mafia indebolite dalla reazione dello Stato alle stragi e dall'avvento dei pentiti. Nel silenzio, da una latitanza lunga quarant'anni e che sembra invincibile, sta cambiando le cose: niente più cadaveri eccellenti, meglio infiltrarsi nell'economia, spargersi a macchia d'olio, sporcare ogni reame della vita.
Miliardario ma autocostrettosi a una vita da pastore eremita, Provenzano è un fantasma: "Il Fantasma di Corleone" l'aveva chiamato Marco Amenta nel suo documentario passato sottovoce nella distribuzione cinematografica, al tempo della cattura del boss. Solo qualche accenno di finzione, appena una sagoma, la ricostruzione di un'azione. Al centro della scena Giuseppe Linares, polizia speciale, stipendio normale, ogni minuto della vita speso per un fine: trovare iddu.
Di verso uguale e contrario, L'ultimo padrino di Marco Risi: interamente vestito di fiction ma a copertura di una vicenda che affonda interamente nella realtà. Al centro ancora Linares, qui col nome e cognome fittizi di Roberto Sanna, e la sua squadra, questa volta ben scolpita -fuori dalle cautele imposte dal documentario- nelle figure della bella Fiore (Micaela Ramazzotti), del fido Alfiere e della buddy-coppia di Gigante e Africano.
Daniele Pecci ha lo sguardo intenso del vero protagonista dei fatti, che alla cattura dello "zio" ha sacrificato tutto, ma che sa anche aspettare, rimandare, perché bruciare l'occasione sarebbe fatale. Pecci incarna un vero eroe di oggi, un giovane uomo diverso da tutti gli altri, lontano dalla gratificazione dei riflettori, costretto a operare nell'ombra, a farsi fantasma a sua volta. Queste sono le figure che la nostra televisione deve raccontare e la coppia Risi-Pecci lo fa nel migliore dei modi, senza esagerazioni action o fantasiose ipotesi psicologiche. Dall'altra parte della barricata, nei panni del ricercato, c'è uno dei grandi mostri della nostra era, un uomo che è stato capace di brutalità senza fine e senza coscienza alcuna, ma anche -è la cronaca- di lettere di vero amore, e d'indubbia e sensibilissima intelligenza. Le polemiche urlano allo scandalo: il volto onesto e la passione attoriale di Michele Placido umanizzano oltremodo Provenzano. Vero. Ma danno anche ragione della sua terribile verità umana.
Lo sappiamo, il male è banale, in questo caso è fatto solo di un casolare, un piatto di ricotta e una bibbia scarabocchiata (riscritta da capo a fondo, sarebbe il caso di dire). Forse sarebbe bastato un accenno agli scempi compiuti, un ritratto un po' meno romantico, da scrittore (di pizzini) alla macchina da scrivere, oppure, forse, dare per scontata la conoscenza della storia è anche un modo per metterci tra i partecipanti. L'ultimo padrino quasi non contempla flashback (l'unico è persino utile) e si appoggia alle immagini di repertorio solo in coda, in consolidato stile Valsecchi, dopo aver chiuso brillantemente la fiction solo su un gesto, più cinematografico che mai. Stilisticamente è giusto così, e questa è una fiction che ha stile e sostanza.

Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
77%
No
23%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination L'ultimo padrino

premi
nomination
Roma Fiction Fest
1
0
"Il sole si oscurerà, la luna non darà più la sua luce e gli astri cadranno dal cielo...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Provenzano (Placido)
"Io non posso ordinarti cosa devi fare; posso però dirti cosa farei io se mi trovassi nella tua situazione e consigliarti, e se tu riterrai giusto seguire questo mio consiglio, ebbene, io ne sarò contento!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop
L'ultimo padrino | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Roma Fiction Fest (1)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità