La promessa dell'assassino

Acquista su Ibs.it   Dvd La promessa dell'assassino   Blu-Ray La promessa dell'assassino  
Un film di David Cronenberg. Con Viggo Mortensen, Naomi Watts, Vincent Cassel, Armin Mueller-Stahl, Sinéad Cusack.
continua»
Titolo originale Eastern Promises. Thriller, durata 100 min. - Gran Bretagna, Canada 2007. - Eagle Pictures uscita venerdì 14 dicembre 2007. MYMONETRO La promessa dell'assassino * * * 1/2 - valutazione media: 3,95 su 253 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
arvin venerdì 21 dicembre 2007
il capolavoro di cronenberg Valutazione 4 stelle su cinque
93%
No
7%

Una giovane donna, una prostituta, muore dando alla luce una bambina. Di questa donna non si conosce nulla e l'unica cosa che sembra far luce sulla sua vita è un diario scritto in russo. Anna, ostetrica che ha aiutato la giovane a partorire, comincia così un indagine che la condurrà nell'inquietante e agghiacciante mondo della mafia russa. Ma chi si aspetta di vedere una sorta di Padrino rivisitato o copiato si sbaglia di grosso. Cronenberg ci regala un Thriller intenso, emotivo, cruento e spettacolare. Probabilmente uno dei migliori degli ultimi anni... Lo ambienta in una Londra cupa, quasi spettrale, anonima, umida e fredda, in cui la violenza è dietro l'angolo. Ed è proprio la violenza, assieme al corpo, la protagonista di questo film. [+]

[+] stupendo (di dm101)
[+] lascia un commento a arvin »
d'accordo?
cinofilo_bau lunedì 23 giugno 2008
ma che questione morale! Valutazione 4 stelle su cinque
98%
No
2%

David Cronemberg torna a colpire, finalmente, dopo “la Mosca” il direttore canadese aveva un po straorzato con racconti sulla realta immaginata e la reale immaginazione e il doppio e il suo doppio e via di seguito. La promessa dell assassino racconta una storia che ha per protagonisti dei russi, per lo piu mafiosi, ma non e un film sulla mafia russa e nemmeno sui russi: avrebbe potuto raccontare, allo stesso modo anche se con atmosfere diverse, una storia di mafia italiana, cinese, marsigliese e qui mi fermo per non ammazzare l’ analogia. No non e’ un film sulla mafia, russa o che sia, anche se in questo mondo e’ ambientata. E’ , soprattutto, un film sulla condizione dell’ uomo occidentale ai nostri giorni, su come la violenza, che pensiamo di aver abbandonato assieme al medioevo sia sempre presente e di come la nostra illusione di essere liberi e di essere padroni del nostro destino sia, in fondo, una illusione. [+]

[+] lascia un commento a cinofilo_bau »
d'accordo?
anonimo giovedì 27 dicembre 2007
cronenberg Valutazione 4 stelle su cinque
89%
No
11%

E' il primo fiml di Cronenberg che vedo e mi ha interessato. Dissento da tutti quelli che, semplicisticamente, liquidano un lavoro con "brutto" o "fa schifo". Dentro un panorama cinematografico in cui o vai al cineforum o ti propinano ogni sorta di superficilità tematica, trovo che questo noir si davvero coinvolgente...Se poi non si è in grado di andare oltre un inseguimento a 200 km orari con macchine che si cappottano e riprendono la corsa, se non si è felici se non scorre sangue in maniera gratuita, con uomini feriri che paiono uscito da una serata di gala, allora non andate a verderlo...Ma se vi piace un pò di lentezza, godervi una trama che, a mio parere, non è affatto banale o scontata, se volete godervi un pò di suspance ma dormire comunque la notte, se trovate che il sangue deve scorrere il giusto per far capire la brutalità della violenza ma non deve comparire ogni 3 x 2. [+]

[+] lascia un commento a anonimo »
d'accordo?
danilodac domenica 9 agosto 2009
la promessa dell'assassino Valutazione 4 stelle su cinque
94%
No
6%

Una ragazza russa muore partorendo una bambina, l’allevatrice legge il diario della defunta e cerca di rintracciare le origini della famiglia per affidarne la custodia. Conoscerà Nikolai, servo della mafia russa, e sarà travolta dal tumultuoso scorrere degli eventi tra degrado, prostituzione e criminalità. Per il suo 16° lungometraggio, Cronenberg sceglie un’altra storia di violenza e di rimpianti dove ancora una volta è il passato a condizionare la vita di un uomo e le sue azioni. Quello che in apparenza sembra possedere la scorza di un thriller gangsteristico contiene invece in sé le caratteristiche, i significati e la profondità di una vera e propria tragedia morale. Attraverso una scrittura di asciutta semplicità, Cronenberg dipinge la crudeltà di un microcosmo malato e corrotto, inevitabilmente contaminato dalla violenza e dall’avidità di potere. [+]

[+] lascia un commento a danilodac »
d'accordo?
riccardo giovedì 20 dicembre 2007
cronomberg e la violenza Valutazione 4 stelle su cinque
84%
No
16%

Anna, un'ostetrica di Londra, fa partorire una ragazza russa, che muore subito dopo aver dato alla luce una bambina. Dopodichè trova nella borsa della giovane un diario in cui è narrata la sua triste storia nelle mani della mafia russa. Cronenberg firma un eccellente thriller , tra i migliori degli ultimi tempi. Come aveva dimostrato già nella pellicola precendente, A history of violence, la sua attenzione è rivolta soprattutto ai tanti piccoli risvolti cruenti e macabri ricercati minuziosamente nelle storie narrate. Il film è diretto alla perfezione, accurato nella sceneggiatura, chiara, facilmente seguibile senza troppe astrusità. La recitazione di Mortensen, Watts e Cassel è a dir poco lodevole!. [+]

[+] cronomberg: l'uomo delle nevi (di dingo)
[+] lascia un commento a riccardo »
d'accordo?
mario scafidi lunedì 31 dicembre 2007
promessa mantenuta Valutazione 4 stelle su cinque
85%
No
15%

È confortante avere delle conferme, e David Cronenberg è capace di darle. Non delude mai lo spettatore, e non lo fa neppure nel suo ultimo capolavoro (il termine è adoperato a ragion veduta) “La Promessa dell’Assassino”, una sorta de “Il Padrino” dell’Est che si muove in ambienti meno onorati e più laidi di quelli in cui operava la famiglia Corleone di Coppola. Un’ostetrica (Naomi Watts) aiuta nel parto una prostituta quattordicenne che perderà la vita dando alla luce una bambina. Trovato il diario della ragazza l’ostetrica inizierà delle indagini per proprio conto dirette a rintracciare la famiglia della giovane ed il padre della neonata. Finirà con l’imbattersi nella sconcertante realtà della mafia russa a Londra, nei corpi dei boss e degli scagnozzi, ricoperti di tatuaggi come mappa identificativa della loro posizione nel clan, nel loro lavoro sporco di sangue e mutilazioni, loschi traffici e vendette trasversali. [+]

[+] qualche volta cronemberg delude... (di luca1170)
[+] lascia un commento a mario scafidi »
d'accordo?
massimo fabbro sabato 5 gennaio 2008
un capolavoro di esclusività Valutazione 3 stelle su cinque
66%
No
34%

Quando un film riesce ad attirare l'attenzione per tutta la sua durata significa che è un film ben fatto; quando un film riesce a tenerti senza fiato ogni singolo minuto vuol dire che non è solo fatto bene, ma è qualcosa di più. E "La promessa dell'assassino" è qualcosa di più. Il film è caratterizzato da una calma piatta, talmente piatta che paradossalmente riesce ad avvolgere il film in un velo di tensione quasi palpabile e che ipnotizza ogni singolo spettatore. Basterebbe un piccolissimo errore, una sbavatura, una goccia di petrolio in un mare caraibico per far cadere il film dall'olimpo alla banalità. Ma fortunatamente non c'è nessuna traccia di petrolio, anzi le acque sono limpide che più limpide non si può. [+]

[+] inclusivo (di marco.g)
[+] lascia un commento a massimo fabbro »
d'accordo?
revine1995 giovedì 4 febbraio 2016
tra rosso, violenza e nero Valutazione 4 stelle su cinque
94%
No
6%

Vedere Viggo Mortensen è sempre un piacere. L’ Aragorn del Signore degli Anelli, infatti, torna nella pellicola di David Cronenberg come autista, guardia del corpo e per l’occasione anche assassino al soldo di Kirill (Vincent Cassel), figlio di un capo mafioso russo che gestisce i suoi affari a Londra. Nickolai (V.M.) non è quello che sembra: segue gli ordini dei suoi capi senza esitare e dando consigli subdoli e meschini per la riuscita delle attività criminose della mafia russa, ma in realtà è un uomo che nasconde la sua vera identità (Attenzione Spoiler) di poliziotto infiltrato.
Veri protagonisti dell’opera di Cronenberg sono i tatuaggi che acquisiscono il ruolo di cronologia dell’esistenza di ogni personaggio che appare, ogni disegno nero sul corpo rappresenta una tappa della vita (dalla prigione al ruolo sociale). [+]

[+] lascia un commento a revine1995 »
d'accordo?
paioco89 sabato 9 febbraio 2008
nervi saldi per un cronenberg all'ennesima potenza Valutazione 4 stelle su cinque
68%
No
32%

Capolavoro di David Cronenberg il quale mantiene l'insaziabile fame di violenza e crudeltà. Il film, per il quale si consigliano nervi saldi e stomaco forte, si articola bene attorno alla vicenda di una quattordicenne stuprata che da alla vita un bambino. La ragazza non sopravvive al parto e dunque l'infermiera Anna (Naomi Watts) cerca di risalire alla famiglia addentrandosi in un mondo che non è il suo, quello della mafia russa. Un diario appartenente alla giovane madre morta sarà oggetto di violenze e ricatti. Cronenberg mette in evidenza la diversità tra mondo "normale" e mondo "anormale", quello di noi cittadini del mondo e quello della mafia. Viene resa bene dall'ottima interpretazione di Naomi Watts, personaggio forte ma tremendamente impaurito dall'idea di confrontarsi con una parte di società così tetra e pericolosa; si batte per quella figlia di nessuno, sa di dover scendere a patti con i sicari russi, sa che è rischioso, non sa però se sia la cosa giusta o sbagliata. [+]

[+] lascia un commento a paioco89 »
d'accordo?
calima mercoledì 21 gennaio 2009
il calore del ghiaccio Valutazione 5 stelle su cinque
60%
No
40%

Scene di una violenza quasi insostenibile ma mai gratuita. Un uomo, Nikolai, abituato a mozzare le falangi ai cadaveri ma capace di prendertia al cuore quando, dopo essere stato "costretto" a stuprare una prostituta, le regala un santino come necessario riconoscimento di quel sacro che è cosciente di aver violato: quel sacro non è solo un bisogno insopprimibile, ma una presenza connaturata ad ogni anima, ad ogni corpo, perché corpo e anima non sono due entità distinte ma sono la stessa cosa, e il divino non è (solo) fuori di noi. Non è certo un caso che il nome scelto da Anna per la piccola sia Christina, come una preghiera, una richiesta di protezione. Cronemberg mostra tutta la fragilità (la nuova miracolosa vita che riesce a vincere la morte) e lo splendore del corpo umano (il magnifico Viggo Mortensen), con un realismo estremo che anziché limitarsi a rappresentare la materia riesce ad avvicinarci a ciò che le dà significato e valore. [+]

[+] lascia un commento a calima »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 »
La promessa dell'assassino | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Golden Globes (3)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 14 dicembre 2007
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità