A ciascuno il suo cinema

Un film di Bille August, David Cronenberg, Claude Lelouch, Isabelle Adjani, Anouk Aimée, Josh Brolin, Jean Cocteau, David Cronenberg.
continua»
Titolo originale Chacun son cinéma. Documentario, durata 120 min. - Francia 2007. - MYMOVIESLIVE! uscita lunedì 14 maggio 2012. MYMONETRO A ciascuno il suo cinema * * * - - valutazione media: 3,00 su 1 recensione.
Consigliato sì!
3,00/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Da Nanni Moretti a David Cronenberg, da Wim Wenders a Gus Van Sant, trentacinque registi ci parlano dell'essenza del cinema.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un interessante mosaico di letture e spunti sul mondo del cinema
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Ogni tanto gli anniversari non vengono per nuocere. È il caso del sessantesimo del Festival di Cannes che ha spinto il suo Presidente e mentore Gil Jacob a celebrare offrendo ai registi di cui sopra la possibilità di realizzare un film di 3 minuti avente al centro la sala cinematografica o comunque l'idea di film già realizzato. Quindi niente lavoro del set, registi e attori ecc.. ma l'opera finita e il suo rapporto con il luogo che resta ancora (almeno idealmente) al centro della sua fruizione. Ne è uscito un mosaico davvero interessante di letture e di spunti. È impossibile citarli tutti e quindi tratteremo, molto soggettivamente, di quelli che più ci hanno colpito.
Lars Von Trier ha ancora una volta 'esagerato' (nel senso positivo del termine) mettendosi in scena nella proiezione ufficiale di Manderlay con a fianco un produttore che comincia a parlare di quanto sia divenuto ricco grazie al cinema. Lars lo massacrerà nel senso più preciso del termine. Takeshi Kitano si è regalato il ruolo di un proiezionista in un cadente cinema di campagna che, grazie alla sua imperizia, mostra all'unico spettatore in sala solo dei frammenti di un film distribuito dal...Kitano Office. Se i Coen mettono in scena un cowboy che va a vedere un film turco che finisce col piacergli Abbas Kiarostami stupisce tutti rendendo omaggio a Franco Zeffirelli e al suo Romeo e Giulietta mostrando un cinema pieno di donne che si commuovono dinanzi al film del quale sentiamo il sonoro della sequenza finale. Polanski ci riporta alla proiezione di Emmanuelle e a una coppia borghese scandalizzata da uno spettatore che, molte file più indietro, sembra intento a masturbarsi. Sembra... Non mancano i film densi di nostalgia (ben due omaggi a Bresson e tre, se non abbiamo contato male, a Fellini). A cui si aggiunge l'autocitazione di Lelouch e del legame che si era creato tra suo padre e sua madre e Ginger Rogers e Fred Astaire. Un'ultima annotazione per la nutrita presenza (i registi non sapevano nulla dei progetti altrui) di non vedenti in un film collettivo sul cinema. Non è per nulla strana come si potrebbe pensare in un primo momento. Il cinema ha un significato anche per chi non vede ed è giusto che la cecità abbia assunto qui il ruolo di metafora forte .

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
A CIASCUNO IL SUO CINEMA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
* * * * -

Un omaggio al cinema

mercoledì 23 febbraio 2011 di jaky86

Prodotto per i 60 anni del festival di Cannes. 33 corti da 3 minuti incentrati sul cinema, inteso come luogo fisico, diretti dai più grandi registi del mondo. Da segnalare: la dolcezza di Dardenne e Inarritu, gli asiatici Kaige e Yimou (forse il migliore!), Kaurismaki e l'assurdo Kitano.  continua »

* * * - -

Festa ad inviti per i 60 anni di cannes

domenica 17 giugno 2012 di donni romani

Per festeggiare i 60 anni del Festival di Cannes il suo presidente Giles Jacob ha organizzato una singolare pellicola ad inviti, coinvolgendo 35 tra i più grandi cineasti al mondo per raccontare il cinema, la passione, i ricordi, le attese, le speranze e le delusioni di chi cinema fa, guarda, ama. Ognuno di loro ha avuto a disposizione tre minuti per raccontare la propria visione di cinema, per chiudere i propri protagonisti in una sala buia, o in un'arena all'aperto, o in cinema sperduto di campagna, continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film A ciascuno il suo cinema adesso. »

NEWS | Da Cannes 2007, un interessante mosaico di letture e spunti sul mondo del cinema.

A ciascuno il suo cinema su MYMOVIESLIVE!

lunedì 14 maggio 2012 - Nicoletta Dose

A ciascuno il suo cinema su MYMOVIESLIVE! Nel 2007, per festeggiare i primi sessantanni del Festival di Cannes, Gilles Jacob, presidente della prestigiosa rassegna cinematografica, ha voluto realizzare A ciascuno il suo cinema. Più di trenta il numero dei registi coinvolti, da Jane Campion ai fratelli Dardenne, da Abbas Kiarostami a Nanni Moretti, per altrettanti cortometraggi di tre minuti che rivelano, con passione e ardimento, il significato profondo dell’esperienza di ‘vedere un film al cinema’. Tutti i racconti non sono solo sguardi intellettuali sulla settima arte; queste piccole storie, ognuna con una personale sinergia di forma e contenuto, tralasciano il punto di vista da registi – costruttori di un procedere visivo autoriale – e si soffermano su ciò che vuol dire essere spettatore.

   

GALLERY | Su MYMOVIESLIVE! il film celebrativo dei 60 anni di Cannes.

35 registi e un'unica passione

mercoledì 9 maggio 2012 - a cura della redazione

A ciascuno il suo cinema, 35 registi e un'unica passione 35 registi da 25 paesi, e 3 minuti a loro disposizione per celebrare i 60 anni del Festival di Cannes. Un modo per offrire, con gli strumenti a loro più congeniali, una personale idea di cinema. "Hanno messo in scena, in 3 minuti, il loro stato d'animo ispirato alla sala cinematografica, luogo di incontro per eccellenza per i cinefili di tutto il mondo – ha commentato il presidente del Festival Gilles Jacob - La natura del progetto li ha invogliati a mostrarsi sorprendenti, divertenti, teneri, sarcastici ma anche emozionanti e provocatori".

   

Un mega film firmato da 35 autori. Il migliore, ma è fuori concorso

di Maurizio Cabona Il Giornale

Il miglior lungometraggio di questo Festival di Cannes è finora Chacun son cinéma, serie di cortometraggi di circa tre minuti l'uno che lo stesso Festival ha prodotto - al costo di venticinquemila euro per ognuno - e montato, nella persona del suo presidente, Gilles Jacob. Perciò Chacun son cinéma è fuori concorso. Trentacinque, sui quaranta invitati, sono stati i registi che lo firmano, da Theo Anghelopulos a Zhang Yimou, passando per Nanni Moretti. Ma ci sono state assenze che hanno ferito Jacob: per esempio quella di Francis Ford Coppola, perché stava girando un film (ma ne avrebbe altri dopo Apocalypse Now, senza la palma d'oro che gliene venne); quella di Martin Scorsese, che, dice Jacob, «ha lasciato cadere la cosa, come del resto Pedro Almodóvar; il solo a non rispondere è stato Quentin Tarantino: era al culmine di Death Proof - in concorso oggi proprio qui -, ma era anche il più cinefilo fra i registi interpellati. »

A ciascuno il suo cinema | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | jaky86
  2° | donni romani
Rassegna stampa
Maurizio Cabona
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
lunedì 14 maggio 2012
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità