The Living and the Dead

Film 2006 | Horror 83 min.

Anno2006
GenereHorror
ProduzioneGran Bretagna
Durata83 minuti
Regia diSimon Rumley
AttoriRoger Lloyd-Pack, Leo Bill, Kate Fahy, Sarah Ball, Neil Conrich .
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Simon Rumley. Un film con Roger Lloyd-Pack, Leo Bill, Kate Fahy, Sarah Ball, Neil Conrich. Genere Horror - Gran Bretagna, 2006, durata 83 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi
The Living and the Dead
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un quadro incisivo di famiglia gravemente disfunzionale.
Recensione di Rudy Salvagnini
Recensione di Rudy Salvagnini

La famiglia Brocklenbank vive in un'austera e grande magione che testimonia ricchezza passata e, con il suo stato di abbandono, difficoltà presenti. Donald, il capo famiglia, cerca con fatica di fronteggiare le avversità: la moglie Nancy è gravemente malata e il figlio James è mentalmente disturbato. Costretto a un viaggio d'affari, Donald lascia la moglie e il figlio da soli. James spiega alla mamma che l'infermiera che si prende cura di lei non potrà più venire e che perciò sarà lui stesso a farne le veci. Preoccupata, la mamma non ha però alternative. Convinto di fare per il meglio, James non prende più le sue medicine, ma così facendo il suo nervosismo e la sua instabilità psichica aumentano. Di fronte ai problemi quotidiani della grave malattia della madre non autosufficiente, James rifiuta di accettare le proprie inadeguatezze e pur di essere lui a occuparsi della madre impedisce l'accesso a casa all'infermiera, che in realtà è arrivata regolarmente per svolgere il suo compito. Da sola con il figlio che, desideroso di essere l'uomo di casa, la forza a fare ciò che lui crede sia il meglio, Nancy si trova in un incubo terribile. Il film appartiene alla categoria "più strani che riusciti", ma la bizzarria della situazione presentata e la sua intrinseca forza disturbante dipingono un quadro incisivo, pur se più talvolta forzato, di famiglia gravemente disfunzionale nella quale, però, il legame familiare e la forza dei sentimenti sono più forti delle difficoltà.
Simon Rumley adotta uno stile a metà tra il realistico e lo psichedelico alternando momenti nei quali la cupezza della situazione risalta dalla desolazione degli ambienti ad altri in cui il delirio psichico del protagonista è reso attraverso immagini accelerate e distorte. L'effetto complessivo è straniante e non sempre efficace, ma il film riesce a creare una tensione costante e a sviluppare un complessivo senso di disagio che fonda la sua forza sul confronto impietoso con la realtà della malattia, mentale e "fisica".
Desideroso soprattutto di essere accettato dai suoi genitori, di riuscire a fare in modo che loro siano orgogliosi di lui, James è però incapace di valutare la forza e la natura delle proprie azioni e si muove in modo pericoloso e incoerente. Il crescendo nel delirio porta progressivamente il film in un territorio narrativamente confuso e grottesco, immedesimandosi nel punto di vista del giovane James e della sua convulsa furia distruttiva, ma lasciando spazio a un'ambiguità di fondo che semina il dubbio su cosa stia realmente accadendo.
Le ambizioni drammatiche e metaforiche del film confliggono talvolta con l'intenzione di restare all'interno del perimetro del genere horror e le forzature narrative che ne conseguono diminuiscono l'impatto complessivo della vicenda che resta interessante ma non è sempre convincente nei suoi equilibri.
Il cast si presta con apprezzabile impegno a rappresentare personaggi difficili. Leo Bill è sopra le righe in modo devastante, sempre sull'orlo e oltre di una continua esagitazione, ma fornisce un ritratto incisivo del protagonista. Più misurati ma forse ancor più efficaci Roger Lloyd Pack e Kate Fahy nei ruoli dei suoi genitori alle prese con le difficoltà dell'amore filiale.

Sei d'accordo con Rudy Salvagnini?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 26 agosto 2011
Oblivion7is

Io faccio le classifiche dei miei film preferiti. The Living and the Dead, scoperto quasi per caso, è al quarto posto. Dunque, partiamo dall'idea tecnica del film. La regia all'inizio è lenta ma diventa sempre più schizofrenica, e anche nella prima parte qualche piccolo elemento c'è, per esempio quando il nostro protagonista va da una parte all'altra della [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Jeannette Catsoulis
The New York Times

A bizarre psychological study of degeneration and dependency, “The Living and the Dead” is a horror movie only in the most literal sense. Skirting genre conventions, Simon Rumley’s twisted feature inhabits shores where the gore is minimal and the demons unseen — neither of which makes it any less disconcerting. Set in a cavernous mansion in the English countryside, the movie unflinchingly observes [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati