Slevin - Patto criminale

Acquista su Ibs.it   Dvd Slevin - Patto criminale  
Un film di Paul McGuigan. Con Josh Hartnett, Morgan Freeman, Ben Kingsley, Lucy Liu, Bruce Willis.
continua»
Titolo originale Lucky Number Slevin. Drammatico, durata 109 min. - USA 2006. uscita venerdì 25 agosto 2006. MYMONETRO Slevin - Patto criminale * * * - - valutazione media: 3,38 su 156 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,38/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Da ragazzotto sprovveduto a spietato sicario.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Gangster movie grottesco e giocoso, un po' troppo tarantiniano
Chiara Renda     * * - - -

Uno sprovveduto e sfortunato ragazzo di nome Slevin (alla lettera "cane rabbioso"), imperturbabile perché affetto da atarassia, dopo aver perso in un colpo solo il lavoro, la fidanzata e il portafoglio, si trasferisce a casa del suo amico Nick. In assenza del ragazzo, Slevin si ritrova coinvolto in un pericoloso scambio d'identità che lo costringerà per l'occasione a trasformarsi in uno spietato killer.
Durante il compimento dell'operazione il ragazzo si rivelerà però meno ingenuo del previsto, tenendo alto il significato del suo nome...
Il regista Paul McGuigan costruisce un godibile, incalzante gangster-movie dai toni ironici e giocosi, nel quale non mancano situazioni surreali, furbi ammiccamenti cinefili, personaggi contraddittori tipici dello stile tarantiniano cui il regista fa chiaramente riferimento (su tutti il duro dal cuore tenero Bruce Willis, qui come in Pulp Fiction alle prese con un orologio lasciato in eredità). Nonostante l'eleganza dello stile e della forma attentissima ai dettagli, McGuigan non riesce però a staccarsi troppo dalla lezioncina imparata pedissequamente, osando raramente in tocchi personali e calcando talvolta la mano con forzate citazioni cinefile, ritmi da videoclip e destrutturazioni narrative che troppo ammiccano alle costruzioni post-moderne propriamente tarantiniane.
Una sceneggiatura poco incisiva e originale per un film che sa di già visto e che trova il suo punto di forza nell'interpretazione degli attori: dall'imperturbabile spietato Willis al serafico britannico Kingsley, passando per un vendicativo Freeman e un'insolitamente sbarazzina Lucy Liu. Su tutti svetta il magnetico protagonista Josh Hartnett, novella icona della giovane Hollywood scapigliata.

Premi e nomination Slevin - Patto criminale MYmovies
il MORANDINI
Slevin - Patto criminale recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Slevin - Patto criminale
Primo Weekend Italia: € 695.000
Primo Weekend Usa: $ 7.032.000
Incasso Totale* Usa: $ 7.032.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 1 gennaio 2006
Sei d'accordo con la recensione di Chiara Renda?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
30%
No
70%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * - - -

Dialoghi non sense tra boss e allibratori

lunedì 11 settembre 2006 di Antonello Villani

Noir confusionario con finale a sorpresa, “Slevin” è un rompicapo che utilizza il puzzle narrativo per tenere alta la tensione. Di suspence però se ne vede poca, di noia tanta a contare gli sbadigli degli spettatori. Perché la storia, ingarbugliata sino all’inverosimile, ha un ritmo troppo sonnacchioso per risultare avvincente mentre la sceneggiatura alterna momenti esilaranti a dialoghi non sense che lasciano alquanto perplessi. Un killer, un boss e un rabbino sono misteriosamente legati ad uno continua »

* * * * -

Ritorno del pulp? si... e con stile!!!

domenica 13 agosto 2006 di Walloz

Finalmente sono riuscito a vedere questo film ieri sera in anteprima e sono rimasto davvero soddisfatto: "Slevin - patto criminale" è un film in salsa pulp che strizza un po' l' occhio a quel pazzoide di Tarantino, proponendo trovate sempre originali e tocchi di classe che definire stilosi è dir poco... La narrazione è strutturata attraverso flashbacks e intrecci vari che complicano non poco la storia, che pero' si fa comprendere nella parte finale del film; La regia è ottima, con tocchi classici continua »

* * * * -

Superlativo.

sabato 31 marzo 2007 di Paolo Ciarpaglini

Film dal ritmo incalzante. La trama è un capolavoro di 'ingegneria' cinematografica, incredibile e preciso come un'orologio svizzero. Via via il film rivelerà allo spettatore sempre più confuso, intrigante (volutamente) pieno di colpi di scena, per giungere ad un finale inaspettato e geniale. Bruce Willis, alias 'good cat in arte', è un sicario perfetto ma con un cuore. Questa è la chiave di tutto il film, ma solo nel finale lo spettatore capirà ogni risvolto, ne un minuto prima ne poi. Film ottimamente continua »

* * * * -

Kansas city shuffle

lunedì 4 settembre 2006 di Marco

Come detto da Ben Kingsley ad un certo punto del film, la vicenda di Slevin, scambiato per Nick Fisher, giocatore che deve cifre spropositate sia ad un boss di colore che ad un rabbino, ricorda per qualche verso Intrigo Internazionale di Alfred Hitchcock, seppure alla lontana. Anche Slevin viene scambiato per un'altra persona, ma fino all'ultimo non sapremo se questi è una semplice invenzione come il Kapland hitchcockiano o meno. La struttura narrativa non è certo di facile fruizione, si dirada continua »

Il signor Goodkat (Bruce Willis)
Charlie Chaplin partecipò a un concorso per sosia di Charlie Chaplin a Montecarlo e arrivò terzo. Questa, è una storia assurda.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Slevin e il boss
Che hai fatto al naso?
L'ho usato per rompere il pugno a un tizio.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il boss (Morgan Freeman)
Bisognava fare un lavoretto che non sembrasse un lavoretto… Ma questo sembra un lavoretto!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

di Elisa Grando Ciak

Che cos'è la "mossa Kansas City"? È quella per cui qualcuno ti fa guardare da una parte mentre ti sta ingannando dall'altra. Lo spiega Mr. Smith, un granitico Bruce Willis su sedia a rotelle, nel vorticoso incipit di Slevin - Patto criminale, e a noi spettatori conviene tenerlo bene a mente fino all'ultimo minuto. Perché in questo film di Paul McGuigan l'inganno è dietro l'angolo e niente è quel che sembra, a partire da Willis (in realtà non è il paraplegico Smith ma Mr. Goodkat, un killer così serio e compito da scivolare nella parodia), fino ad arrivare al protagonista Slevin (Josh Hartnett), catapultato in una girandola di omicidi e affari sporchi per uno scambio di identità. »

Hartnett, un'espressione sola ma buona

di Francesco Alò Il Messaggero

Atarassia. È il segreto per fare di Josh Hartnett un bravo attore. Parola epicurea: imperturbabilità dell'animo. Grazie all'atarassia, l'attore dalle sopracciglia più invadenti di Hollywood, neofidanzato di Scarlett Johansson, domina il noir tutto battute & doppi giochi Slevin - Patto criminale . Il suo personaggio, un povero cristo scambiato per un altro e sballottato tra due gangster che si fissano in cagnesco dai grattacieli di New York, soffre di atarassia. Ecco spiegata la sua calma glaciale. »

di Mariarosa Mancuso Il Foglio

Giù le mani dai colpi di scena. Sono il sale del cinema d'azione, a rivelarli si fa peccato. I migliori sono senza trucco e senza inganno. Per esempio, il rovesciamento di prospettiva (si fa per dire, ma se ancora qualcuno non ha visto il film non saremo noi a rovinargli la sorpresa) che carica Il sesto senso di M. Night Shyamalan con una bella dose di brividi veri. Anche se lo rivediamo per la seconda volta, con tutta l'attenzione necessaria, non c'è mai un momento in cui il regista gioca sporco. »

di Claudia Canziani Il Mucchio

Jason Smilovic ha solo ventott'anni e un pedigree di sceneggiatore di tutto rispetto: diverse serie televisive di successo, oltre all'arrivo dei chiacchierato Kidnapped, presto anche in Italia. È lui l'ideatore, nemmeno tanto occulto, di Slevin - Patto criminale: una pellicola a cui lo scozzese Paul McGuigan conferisce toni metropolitani, parecchio vicini ai triller classici, arricchiti però da un sapore ironico, a tratti teatrale, che la rendono un noir abbastanza atipico. La vicenda si apre e si chiude con molto sangue: quello del prologo, che annienta una famiglia, e quello del finale, che dovrebbe essere catartico, oltre a riannodare i fili di una trama in cui l'effetto sorpresa è importante. »

Slevin - Patto criminale | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Chiara Renda
Pubblico (per gradimento)
  1° | walloz
  2° | paolo ciarpaglini
  3° | marco
  4° | harry
  5° | antonello villani
  6° | doc steve
  7° | pjmix
  8° | maverickk
  9° | brat_pack
10° | killbillvol2
11° | slevin75
12° | viktor von doom
13° | ultimoboyscout
14° | paolo pizzato
15° | giuliano
Rassegna stampa
Elisa Grando
Claudia Canziani
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 25 agosto 2006
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità