L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza

Film 2006 | Drammatico Film per tutti 104 min.

Titolo originaleO ano em que meus pais saíram de férias
Anno2006
GenereDrammatico
ProduzioneBrasile
Durata104 minuti
Regia diCao Hamburger
AttoriMichel Joelsas, Germano Haiut, Paulo Autran, Daniela Piepszyk, Simone Spoladore Caio Blat, Liliana Castro, Eduardo Moreira, Rodrigo dos Santos.
Uscitavenerdì 6 giugno 2008
TagDa vedere 2006
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,17 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Cao Hamburger. Un film Da vedere 2006 con Michel Joelsas, Germano Haiut, Paulo Autran, Daniela Piepszyk, Simone Spoladore. Cast completo Titolo originale: O ano em que meus pais saíram de férias. Genere Drammatico - Brasile, 2006, durata 104 minuti. Uscita cinema venerdì 6 giugno 2008 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,17 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un ragazzino di dodici anni si ritrova a crescere da solo nel Brasile della dittatura militare. In Italia al Box Office L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza ha incassato 276 mila euro .

L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,17/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,85
PUBBLICO 3,34
CONSIGLIATO SÌ
Film di formazione brasiliano con toni da commedia.
Recensione di Matteo Signa
sabato 17 febbraio 2007
Recensione di Matteo Signa
sabato 17 febbraio 2007

Presentato in concorso alla cinquasettantesima edizione della Berlinale, L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza rappresenta bene l'evoluzione cinematografica che un paese come il Brasile ha realizzato negli ultimi dieci anni. Dal 1995 sembra viva una stagione felice, la cosiddetta "retomada". Il suo "processo di risensibilizzazione" consiste nel riscoprire le identità e nel far conoscere e rendere protagoniste le problematiche della vita urbana, le zone di frontiera e le aree di frattura sociale.
Lungi dal voler essere un semplice film di formazione in cui si mostra il passaggio del protagonista dall'infanzia alla sfera adulta, la vicenda tratta un tema impegnativo e importante come quello dell'esilio. Ognuno dei protagonisti si scontra con questa realtà sia letteralmente che metaforicamente. I genitori del protagonista sono costretti a lasciare il proprio figlio in quanto attivisti politici. Mauro non riesce a gustare fino in fondo le bellezze dell'infanzia in quanto perennemente in bilico tra il mondo reale e quello sognato. Il Brasile, stesso, risulta essere un personaggio in esilio. La passione e il calore che il suo popolo dimostra attraverso il tifo per i Mondiali del 1970 non ha nulla da spartire con il regime interno schiacciato dal potere di pochi.
Con un tono tipico della commedia, il piccolo protagonista sembra ricoprire il ruolo di regista. Grazie al suo sguardo curioso e alla vivace voce (è anche il narratore della storia) diveniamo quasi complici della sua capacità di adattamento a un mondo per lui ignoto e ostile. Fondamentali nella pellicola i colori del Bom Retiro, il frenetico quartiere in cui Mauro vive e che rappresenta, a suo modo, un vero e proprio universo in scala ridotta. Portoghese, yiddish, tedesco e italiano sono le lingue parlate. La ricca offerta di stimoli culturali viene assorbita da Mauro e dai suoi giovanissimi amici con un candore e una leggerezza che controbilancia bene le tragedie di quegli anni.

Sei d'accordo con Matteo Signa?
L'ANNO IN CUI I MIEI GENITORI ANDARONO IN VACANZA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Marco Lodoli
Diario

Talmente tanti i motivi per amare L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza che è difficile sceglierne uno: forse la forza evocativa dei campionati del mondo di calcio del 1970, quelli che perdemmo in finale e che il Brasile vinse alla grande, o forse la potenza sommessa di una vicenda che sa mescolare la politica e la vita privata, la crudeltà di una dittatura militare e i giochi solitari [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Se Tropa de elite è un film sul presente, L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza è un «amarcord» dai toni molto insoliti. Si svolge nel 1970 e racconta l'estate di Mauro, un bambino di 12 anni che si ritrova improvvisamente solo: i genitori devono, appunto, «andare in vacanza», un eufemismo per indicare l'ingresso nella clandestinità (in Brasile imperversa una feroce giunta militare, gli [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Brasile 1970. Il paese è attanagliato dalla dittatura militare e quella stessa estate, in Messico, si svolgono i campionati del mondo di calcio. Con prepotenti aspettative per quel che riuscirà a combinare la squadra capitanata da Pelé. In questo contesto il dodicenne Mauro viene imbarcato dai genitori nel maggiolino di famiglia. Da Belo Horizonte puntano verso San Paolo, quartiere Bom Retiro.

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Possono giocare nella stessa formazione, Pelé e Tostão? Questa è la domanda che i brasiliani si pongono nell'estate di 38 anni fa. Il 1970, appunto, è l'anno dei mondiali in Messico, ma è anche il sesto di una dittatura militare che nel calcio, e nel tifo appassionato di tutto il Paese per la nazionale, cerca un potente strumento di consenso. A quel tempo, e più d'una volta anche a quella domanda, [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Ciak

Estate del 1970. Anno di Mondiali di calcio. Mauro, un ragazzino di dieci anni, si ritrova in viaggio sul maggiolino dei genitori. Da Belo Horizonte stanno andando verso San Paolo. Tra raccomandazioni e promesse di rivedersi presto per assistere insieme alle partite del Brasile, i genitori partono per le vacanze, scaricando Mauro davanti alla casa del nonno.

Davide Turrini
Liberazione

Brasile, 1970. Il dodicenne Mauro è in attesa che Pelè e Rivelinho gli regalino la terza coppa Rimet. Il suo giovane papà, di religione ebraica, e l'altrettanto giovane mamma, cattolica, sono oppositori del regime della Giunta Militare. All'improvviso i due si prendono una "vacanza", ovvero fuggono dalle soffiate traditrici lasciando Mauro in custodia al nonno barbiere.

lunedì 12 febbraio 2007
Lorenzo Buccella
L'Unità

Prendi i singoli ingredienti della ricetta, mescolali centellinando con cura le dosi e il patto che vien fuori è uno di quelli che può piacere molto alle cucine berlinesi. Sì, perché nel film The year my parents went on vacation (L'anno in cui i miei genitori sono andati in vacanza) del regista brasiliano Cao Hamburger, c'è la spruzzata «popular» dei mondiali di calcio del 1970, il fondale a ragnatela [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 febbraio 2007
Roberto Silvestri
Il Manifesto

Di Beto Villares (e c'è anche una canzone di Roberto Carlos) è la colonna sonora di L'anno che i miei passarono in vacanza del paulista Cao Hamburger (produce Meirelles), una commediola atroce e tragica sulla solitudine di un adolescente del Minas Gerais costretto a seguire i mondiali di calcio di Città del Messico del 1970 a San Paolo dal nonno, perché i genitori sono in fuga dalla dittatura e solo [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 febbraio 2007
Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

Molto più controllato lo stile scelto dal brasiliano Cao Hamburger per O ano em que meus pais saíram de férias, letteralmente l' anno in cui i miei genitori partirono in vacanza, che poi è il 1970, quando il Brasile vinse la coppa del mondo in Messico a spese dell' Italia. Con gli occhi del dodicenne Mauro (un bravo Michel Joelsas) il film racconta un Paese che si entusiasma per i goal della squadra [...] Vai alla recensione »

Claudio Carabba
Corriere della Sera Magazine

Brasile 1970: mentre la nazionale dì calcio si prepara a vincere i Mondiali (danzando con l'Italia) la dittatura diventa più cattiva. Quando i suoi cari sono costretti alla fuga, un ragazzino vive una crudele educazione sentimentale, con Caiuto di un vecchio ebreo, burbero ma assai benefico. Cao Hamburger sa raccontare, senza colpi d'ala forse, ma con aspra tenerezza.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Due genitori in fuga, un ragazzino affidato in tutta fretta al nonno, i mondiali di calcio del 1970. E dietro, invisibili ma sempre presenti, filtrati dallo sguardo del piccolo protagonista, l'angoscia e gli orrori della dittatura militare brasiliana. L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza è un film che sarebbe facile etichettare "di formula" se non fosse semplicemente, bonariamente irresistibile [...] Vai alla recensione »

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Viene dal Brasile questo film sensibile e gentile nei modi di Truffaut, in cui si parla di questioni grosse mescolate ai goal dei Mondiali di calcio ' 70, con una sceneggiatura bilanciata tra il sommerso del dolore politico e quello che galleggia nel quotidiano, mixando argutamente sport e politica. Un ragazzino di 10 anni vede partire nel 1970 i genitori costretti a una «vacanza» in Maggiolino, invisi [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

"The Year My Parents Went on Vacation" is a sweet and somber film that works hard to overcome its limitations. Its tale of a 12-year-old boy coming of age has a weakness for the generic, but the film's setting is so quirkily unfamiliar in so many ways that it holds our interest in the way the boy's story doesn't always manage. The year in question is 1970, the country, Brazil.

A. O. Scott
The New York Times

“The Year My Parents Went on Vacation” takes place in Brazil in 1970, when the country was ruled by a military dictatorship and its national soccer team, led by Pelé, was making its way toward the finals of the World Cup. Accordingly, sports and politics both play parts in this film, directed by Cao Hamburger, which filters the tumult and trauma of Brazilian history through the perceptions of a 12-year-ol [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
DNews

Stasera l'Italia gioca contro l'Olanda, alla ricerca di un'altra cavalcata calcistica che cancelli le tante miserie e le poche nobiltà di questo nostro incorreggibile paese. Ecco perché vedere L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza di Cao Hamburger non è un esercizio nostalgico, seppur didascalico, ma utile. La storia sta tutta nel titolo wertmulleriano: siamo in Brasile, è il 1970.

Salvatore Trapani
Il Giornale

Alla vigilia degli europei di calcio esce L'anno che i miei genitori andarono in vacanza di Cao Hamburger, un bel film che con il calcio e con delicata ironia ricorda la dittatura militare in Brasile di Emilio Garrastazu Médici sullo sfondo di Messico '70, quando l'Italia perse in finale proprio contro il Brasile. A San Paolo genitori ricercati dalla polizia, lasciano il figlio dodicenne pazzo per [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Il dispositivo drammaturgico è a prova di bomba. Il Brasile del giugno '70 è oppresso dalla dittatura ma anche percorsa dalla febbre del calcio, dall'attesa degli imminenti mondiali che la Seleccao vincerà per la terza volta, dalle più accanite controversie sulla convivenza tra Tostao e Pelè. La prima casa è fortemente presente nella vita del piccolo Mauro ma lui ne è inconsapevole, mentre il ragazzo [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 febbraio 2007
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Se dobbiamo giudicare dal cinema, e dal cinema visto ai festival, non esiste sudamericano che non sia di discendenza ebraica. Daniel Burman, con "L'abbraccio perduto", Orso d'oro a Berlino due anni fa, prometteva di diventare il Woody Allen argentino. (Promessa non mantenuta: alle battute ora preferisce i sentimenti, e la confusione generazionale dei trentenni).

Filippo Mazzarella
ViviMilano

La vacanza del titolo è in realtà una fuga: figlio di attivisti nel Brasile sotto dittatura del 1970, il piccolo Mauro cresce solo in una comunità di ebrei. E impara a vivere. Piccolo film retorico di formazione che sembra di aver già visto mille volte: humour, tenerezza, riflessioni politiche superficiali. Inutile con garbo. DISCRETO - PER (DIS)IMPEGNATI Da ViviMilano, giugno 2008

Andrea Fornasiero
Film TV

Coprodotto da Fernando Mereilles nel 2006 e presentato a Berlino nel gennaio 2007, arriva solo ora nelle nostre sale L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza. Un racconto di formazione all'ombra dei Mondiali di Calcio di Messico '70 (dove i carioca ci batterono 4 a 1 in finale), ma anche degli anni di piombo brasiliani che iniziarono in quello stesso periodo.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati