A casa nostra

Film 2006 | Drammatico 99 min.

Regia di Francesca Comencini. Un film con Valeria Golino, Luca Zingaretti, Laura Chiatti, Giuseppe Battiston, Luca Argentero. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2006, durata 99 minuti. Uscita cinema venerdì 3 novembre 2006 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,71 su 47 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
A casa nostra
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Nella Milano di oggi si incrociano e si sfiorano le storie di persone molto diverse tra loro, le cui vite sono, in maniera invisibile, governate dal denaro. In Italia al Box Office A casa nostra ha incassato 866 mila euro .

A casa nostra è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,71/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,83
PUBBLICO 2,85
CONSIGLIATO SÌ
Francesca Comencini fotografa la Milano post tangentopoli.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 4 novembre 2006
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 4 novembre 2006

A Milano, dove hanno soffiato via anche la nebbia, si muovono e si incrociano personaggi anonimi e di rilievo, le cui vite sono ugualmente regolate dal denaro. Quella di Ugo, banchiere corrotto, sposato a una donna malinconica e depressa e controllato da Rita, capitano della Guardia di Finanza, innamorata e non corrisposta nel privato. Per strada invece si prostituisce Bianca, di cui si invaghisce Otello, un pregiudicato agli arresti domiciliari che ascolta il Rigoletto e, come il gobbo mantovano, tenta invano di riscattare la fanciulla amata. Poi c'è Elodie, modella e amante di Ugo, sedotta e abbandonata come la "traviata" verdiana, che trova il suo "Alfredo" in Gerry, commesso in un grande magazzino e marito fedifrago. Come Gerry, ambizioso e stanco di versare nell'indigenza, anche al professore pensionato di Teco Celio il denaro non sembra bastare mai, buttato e consumato dentro le costose vetrine del centro. Tutto intorno Milano assiste alle loro vite spese male.
Il film di Francesca Comencini si apre su Milano dentro un campo lunghissimo, è la città dove si svolgeranno i destini dei protagonisti, le relazioni interpersonali intrattenute per denaro, impedite dal denaro e terminate per denaro. La Milano dei traffici e delle intercettazioni, la Milano post tangentopoli che si è bevuta tutto davanti ai bar, ai negozi, alle banche, agli scheletri delle fabbriche in disuso, cullata dallo sferragliare incessante dei tram. Milano, la città del padre Luigi Comencini, la città della Scala e del melodramma verdiano, che accompagna le sequenze sottolineando liricamente l'evoluzione emotiva dei personaggi. Da Milano, che nasconde i suoi affari sporchi ma anche la sua bellezza, l'Italia può forse ricominciare, perché è nel capoluogo lombardo che risiedono i centri finanziari, le banche, la Borsa. La livida fotografia di Bigazzi impressiona Milano e sostiene la poetica impegnata di Francesca che si conferma la più "grande" delle sorelle Comencini.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Una storia troppo disperata, che propone l'immagine di una città e di un paese senza speranze. Il marchio della ditta Comencini..
Recensione di Pino Farinotti

Nel segno del piccolo o grande denaro, grande inquinatore. Si comincia con una riunione di banchieri e imprenditori per organizzare un business tipo furbetti del quartierino. E c'è chi parla un milanese grottesco e macchiettistico. Primo segnale dello scarso amore verso la città. La conferma arriva subito, con alcune inquadrature di Milano, grigia e tragica come una città dell'est dove non è passato l'89. Segue Bianca, prostituta dell'est vessata dal protettore, amata da fuoruscito già strangolatore di donne. Ecco Elodie, prostituta di classe con cocaina, mantenuta da Ugo (Zingaretti) banchiere e personaggio centrale insieme a Rita (Golino) capitano della guardia di finanza che spia il banchiere. Ugo sodomizza l'amante sopra un mobiletto di plastica dopo che lei aveva sedotto Gerry, commesso ambizioso, dedito a posizioni sessuali più consone. Rita è innamorata di un ragazzino e soffre terribilmente per l'accortezza sessuale di lui che non vuole diventar padre mentre lei vorrebbe essere madre. Un inciso: il sesso è sempre tragico e disperato. Bianca va in coma, ed è incinta. Viene tenuta in vita per il parto. Il bambino dovrebbe essere comprato da Ugo, ma rimane alla sorella di Bianca che lo alleverà col fuoruscito.
Se non si bada a tutto questo, e molti non ci badano, il film è ben tenuto in pugno dalla regista che sa certamente raccontare, a episodi. Certo dovrebbe seguire un corso di scrittura e nel frattempo giovarsi di autori diversi. Il film ha ottenuto un'accoglienza mediatica sproporzionata. Si è cercato di vendere un evento che evento non è. Pagine intere sui quotidiani maggiori. Alla Festa di Roma ha, come si dice, creato dibattito. Solo che il dibattito non è riuscito ad accendersi, come un cerino umido. È stato detto che la storia è troppo disperata, che propone l'immagine di una città e di un paese senza speranze. È vero, ed è il marchio della ditta Comencini. Difficile che dalle sorelle arrivino buone notizie. E poi qualcuno ha detto: Milano. È comodo attribuire alla città del denaro -la Borsa, le banche, il business in generale sono lì- il disastro materiale e morale di tutto. Però Milano è garante economico del paese. Forse è stata troppo maltrattata. Fa impressione un film italiano dove non si parla romano. Certo per Roma valeva una franchigia, anzi, molte franchigie. La capitale: città di felice e rutilante amministrazione, un po' ville lumière, un po' expo del mondo e un po' Disneyland, soprattutto città di ministeri e finanziamenti. La regista, inseritissima, non poteva proprio toccare quell'establishment.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
A CASA NOSTRA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€5,00
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 21 agosto 2013
rita branca

  A casa nostra, film (2006)  di Francesca Comencini con Luca Zingaretti, Laura Chiatti, Luca Argentero, Valentina Lodovini, Valeria Golino, Teco Celio, Giuseppe Battiston, Fabio Ghidoni   Un film drammatico che esplora da diverse angolazioni il tema della maternità nel complesso caleidoscopio della vita umana contemporanea dove nel grigio melmoso delle bassezze fa capolino [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 aprile 2012
cineamando

Un film discreto quello della migliore (come regista) tra le sorelle Comencini. Un mosaico di tante storie italiane che si accavallano ricongiungendosi nella scena finale. Un credibile ritratto di una nazione dove vizi e virtù sono in perenne lotta tra loro. Zingaretti e Golino emergono. Discreto anche il resto del cast. Un peccato che alla Chiatti venga chiesto quasi sistematicamente di spogliarsi [...] Vai alla recensione »

martedì 1 marzo 2011
blade

Il film all'inizio è molto difficile da capire seppur nel suo tentativo di partire da frammenti "parlo di immagini e di contenuti" per arrivare ad un nucleo compatto nel suo messaggio. MI piace come sono trattati i personaggi e la loro umanità - a volte disumana o meglio venduta. Caotico soprattutto all'inizio. L'impostazione del film mi ricorda film già visti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 agosto 2013
dario

Film corale alla Altman, sì ma diretto dalla Comencini e interpretato da mezzi attori. La regista, che è tale per ragioni di famiglia, ha polso debole e tanta presnzione in corpo che fortunatamente non riesce ad esprimere del tutto, tranne che alla fine con il ricatto sentimentale. Nessun approfondimento, solita visione intellettuale borghese (una iattura ereditata dal peggior neo-realismo) [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 luglio 2011
dario

Film corale con un dato in comune: la difficoltà di vivere nel mondo moderno. La sceneggiatura non affonda e la regia, come conseguenza, è incerta sul tono da prendere. Le vidende si ritorcono su se stesse, diventano prigioniere di una involuzione letteraria rivolta all'ingiù. Si respira una vaga atmosfera masochistica.

Frasi
Sono mesi che mi occupo solo di lei.
Ma lei come si permette di entrare in casa mia?
Bella casa. Magnifica.
Lei ha un mandato di perquisizione?
No, però ho parlato a lungo con un magistrato. Questa volta non è uno che conosce lei.
Bene, quindi lei non ha un mandato di perquisizione. Se ne vada.
Dalle intercettazioni sembrava più gentile: un uomo ben educato, affezionato alla moglie ricca.
Ma come si permette?
No, voi, come vi permettete! Pensate di fare come vi pare, eh? Ma questo Paese è anche casa nostra.
Dialogo tra Rita (Valeria Golino) - Ugo (Luca Zingaretti)
dal film A casa nostra
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

È difficile raccontare il presente, dargli immagini e senso. E proprio questo tenta di fare A casa nostra (Italia, 2006, 101'). Con molta generosità, con molta sincerità, Francesca Comencini e il cosceneggiatore Franco Bernini raccontano Milano, e attraverso Milano l'Italia. Intrecciando microstorie individuali, tentano di mostrare un senso non più solo individuale, non più solo "micro".

Paolo D'Agostini
La Repubblica

«Voi credete di poter fare come vi pare, ma questo paese è anche casa nostra!». Così il capitano della Guardia di Finanza Valeria Golino a brutto muso al furbetto Luca Zingaretti dopo mesi di intercettazioni senza essere riuscita a incastrarlo: un magistrato sta dalla sua parte. E lui, rabbioso: «Lei è una donna sola, quelli come lei provano gusto a perseguitare quelli come me».

Claudio Carabba
Il Corriere della Sera

Milano è avvolta da una luce livida e fredda. I giochi dei potenti (della finanza) avvengono nella pace dei ristoranti di lusso o nella desolazione di una periferia anti-intercettazioni. Secondo lo schema del carosello del destino, la Comencini presenta i vari personaggi (i predatori e gli sceriffi) e poi mette in moto la giostra. Tutti si ritroveranno davanti a un ospedale.

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Furbetti della finanza, banchieri onnipotenti, certo, è il denaro il peccato mortale e il massimo comun divisore. Ma nel film alla milanese di Francesca Comencini c' è di più. Working class in svendita, pensionati tassati, omicidi redenti, modelle e traffici illeciti di bambini, faccendieri russi e una cap. della Finanza che vuol vederci chiaro: ma c' è foschia pure nei sentimenti, soprattutto in quelli. [...] Vai alla recensione »

Vito Attolini
La Gazzetta del Mezzogiorno

A casa nostra, recentemente presentato alla Festa del Cinema di Roma, dove non sembra abbia avuto una buona accoglienza, ha il sapore aspro della realtà dei nostri giorni, così latitante nel cinema italiano: è questo il suo maggior titolo di interesse, se altri non ne avesse. In tale occasione Francesca Comencini è stata bersaglio di alcune accuse insensate circa la presunta, sana «milanesità» che [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Misteri del cinema. Perché A casa nostra di Francesca Comencini, prima ancora d'iniziare la sua strada nelle sale cinematografiche, ha sollevato disappunto, ostilità? Mugugni dalla platea della Festa romana del cinema, proteste milanesi per come nel film è vista (o non è vista) Milano, la ex capitale morale degradata a terra di conquista per furbetti e furboni.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Ancora un bel film di Francesca Comencini. Il precedente, Mi piace lavorare, si stringeva attorno a una donna oppressa nel suo ambiente di lavoro da quella forma subdola di persecuzione che va sotto il nome di «mobbing». Adesso, anziché un solo personaggio al centro, ce ne sono una decina in cifre decisamente corali, costruite però anche questa volta attorno a un unico tema, il denaro e quel suo strapotere [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

All'inizio, un gruppo di uomini d'affari pranza in un ristorante di Milano, parlando di una scalata che si preparano a fare, e anche d'altro: la loro voracità, sguaiataggine, volgarità, lascia subito capire che il tema di A casa nostra (s'intende: in Italia) di Francesca Comencini è il potere del danaro visto nella città più ricca d'Italia. O almeno, così si dice: mentre sembra che le città più ricche [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Il personaggio più simpatico del nuovo film di Francesca Comencini, quello che smuove davvero i sentimenti dello spettatore, è un pensionato corpulento e affezionatissimo alla moglie, che passa le giornate in casa con lei tentando di non farle (di non farsi) mancare nulla. Se vuole mangiare uno stracotto, lo cucina con un Barolo da 50 euro, e pazienza se lei brontola.

Dario Zonta
L'Unità

A casa nostra di Francesca Comencini, da oggi nei cinema, racconta, senza infingimentì, l'Italia di oggi attraverso la lente del denaro che tutto compra e niente soddisfa. Dieci personaggi che si intrecciano in diverse storie ambientate a Milano, «cartina di tornasole» di un modus vivendi che parla -a chi vuol capire e sentire - del «chi siamo» e «dove andiamo».

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Non ci sarebbe nulla di male a fare un film sul denaro. Basta non chiamarsi fuori. C'è riuscito benissimo perfino un francese, Philippe Le Guay, che nelle interviste d'accompagno a "Il costo della vita", otto personaggi e i loro estratti conto, dichiarava una madre taccagna, un padre prodigo, lui che da piccolo non aveva ancora deciso di chi vergognarsi maggiormente.

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Francesca Comencini è tra i pochi registi italiani capaci di porsi di fronte alla realtà. Lo aveva fatto qualche anno fa con un lavoro documentario struggente e urgente come Carlo Giuliani, ragazzo (2001). Poi ha sperimentato la coproduzione con il sindacato per affrontare il mobbing in Mi piace lavorare (2003). Questa volta, con A casa nostra, affronta un'opera corale che investe diverse tipologie [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Soldi, soldi, soldi. È il denaro che muove il mondo, e chi non si adegua è un povero sprovveduto. A casa nostra, di Francesca Comencini, ha il gusto amaro di una storia, anzi di tante storie che conosciamo fin troppo bene. Le molte vicende che s'intrecciano a Milano hanno i due poli estremi in Ugo, potente uomo d'affari, e Rita, capitano della Guardia di Finanza che sta cercando d'incastrarlo per i [...] Vai alla recensione »

Paola Piacenza
Io Donna

Il più coraggioso (e necessario) dei film italiani recenti. Perché non parla male di Milano (ridicoli gli attacchi alla regista) ma racconta il valore e i ricatti del denaro nella nostra città. E nel paese. Partendo dalla cronaca recente, fatta di furbetti, evasori e sfruttatori, ma anche dalla voglia di pulizia di chi non si vuole rassegnare. Da sconsigliare a chi cerca rassicurazioni.

Bernardino Marinoni
La Provincia di Como

Milano sentina del malaffare o punta dell'iceberg Italia? Il titolo, A casa nostra, intende senza dubbio il Paese, ma le panoramiche che raccordano i frammenti di storie del film di Francesca Comencini intanto mostrano le città in un clima di sempiterno autunno. Non grigia, ma ferrigna, fotografata già protagonista, anche suo malgrado, anche in certi scorci d'obbligo - per tutti la torre Velasca [...] Vai alla recensione »

Fausto Bona
Brescia Oggi

Sono note le polemiche suscitate dal film di Francesca Comencini A casa nostra per la presunta negatività dell'immagine di Milano sottesa al film stesso. Per una volta che Milano non è semplicemente «Milano da bere» ci sarebbe di che rallegrarsi, invece... E dire che uno dei punti dl forza del film è proprio il paesaggio metropolitano fotografato con rara sensibilità artistica su toni freddi, grigi [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Il denaro, ha raccontato la regista e sceneggiatrice (con Franco Bernini) Francesca Comencini è il motore di A casa nostra, la spinta, l'ideale in funzione del quale si sviluppa la narrazione del film. Un tema arido e spietato, una pulsione solo "quantitativa", che prescinde persino dall'ambizione di realizzazione personale. Infatti, alcuni dei protagonisti, più o meno maturi, più o meno consapevoli, [...] Vai alla recensione »

Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

La prima cosa che colpisce nel film di Francesca Comencini A casa nostra è l' ambizione: filmare un concetto, quello del denaro, per mostrare come quest' idea, impalpabile ma anche concretissima, influisca sulle nostre vite. E subito dopo, naturalmente, non puoi non notare come questa sfida sia stata affrontata. E vinta. Non è una strada facile quella scelta dalla regista e dal suo cosceneggiatore [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

«Il denaro è il vero protagonista del film. Il denaro è diventato centrale nelle nostre vite e nei comportamenti, è entrato perfino nei nostri corpi». A leggere queste dichiarazioni di Francesca Comencini a proposito del suo nuovo film, A casa nostra, si è portati a pensare a una storia di denuncia o a un instant movie sui nuovi ricchi. E invece - e questo è un bene - ci si trova di fronte a un'incisiva [...] Vai alla recensione »

Giorgio Carbone
Libero

Un pugno di storie, tutte ambientate a Milano. Che non è più la Milano da bere, ma una metropoli da girare con l'occhio costantemente rivolto al portafoglio. Perché è spesso vuoto. Perchè può diventarlo da un giorno all'altro. Perché anche se è gonfio, non è mai abbastanza gonfio. E comunque la tua vita non puoi mai dirigerla dove ti porta il cuore, ma dove la indirizza, in ogni momento della giornata [...] Vai alla recensione »

Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

Milano fa discutere. Anche alla Festa di Roma, dove è stato presentato in concorso A casa nostra di Francesca Comencini: al centro del film, ambientato nel capoluogo lombardo, c' è il potere del denaro e le sue ramificazioni all' interno della società. Un quadro complesso, raccontato con un puntiglio che non fa sconti alla realtà ma che evidentemente ha sorpreso una buona metà dei giornalisti in sala. [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Ridurre cronaca giudiziario-politica italiana a pretesto per raccontare sventure femminili è la trovata di A casa nostra di Francesca Comencini. La regista perde così, scambiando il fine per il mezzo, l'occasione del suo primo bel film, offertale dalla fotografia di Luca Bigazzi: Milano non veniva mostrata così, nel suo gelo non solo atmosferico, dai tempi dei romanzi di Scerbanenco.

Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

La requisitoria etica sul morbo del denaro come unico valore in una Milano non più da bere ma da spendere e buttare via è un'occasione perduta per riprendere il racconto sullIitalia ormai interrotto da decenni. Francesca Comencini muove le sue pedine: un banchiere spregiudicato alla "furbetti del quartierino", i suoi intrighi, la sue amante traditora, la capitano della Finanza che lo persegue, una [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 10 novembre 2008
 

Fuori e dentro casa nostra Ad inaugurare in questa domenica la nuova settimana una delle opere migliori della passata stagione. Un guizzo nostrano, un grido di denuncia scagliato contro il degrado morale e civile della nostra penisola.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati