Rosetta

Un film di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne. Con Anne Yernaux, Fabrizio Rongione, Emilie Duquenne, Olivier Gourmet Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 91 min. - Francia 1999. MYMONETRO Rosetta * * * 1/2 - valutazione media: 3,94 su 16 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,94/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * * -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Periferia di Bruxelles. Rosetta vive con la madre in una bidonville. La madre è alcolizzata e si prostituisce per una bottiglia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Il film dei fratelli Dardenne più distante dai canoni di fruizione abituale, una richiesta allo spettatore di partecipazione
Giancarlo Zappoli     * * * * -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Rosetta, che non è ancora maggiorenne, si deve far carico della madre alcolizzata con cui vive in una roulotte in un camping ai margini di un bosco. Licenziata da una fabbrica dove era stata assunta in prova va in città per vendere alcuni abiti usati e conosce Riquet che lavora in un chiosco dove si vendono cialde. Rosetta viene assunta e al contempo ha anche finalmente un amico che le rimane accanto anche quando, qualche giorno dopo, viene nuovamente licenziata. La ragazza, dopo l'ennesimo scontro con la madre, decide di abbandonare la roulotte e riceve ospitalità da Riquet. Il bisogno di trovare un lavoro continua però a tormentarla.
"9 dicembre 1996. Rosetta, la donna che s'indurisce per sopravvivere e finisce per perdere ciò che ha di più caro? È agganciata al lavoro. Da lì e solamente da lì potrà arrivarle il riconoscimento da parte degli altri. Appartenere alla comunità umana. Rifiutare con tutte le sue forze la morte sociale". Questa annotazione riportata da Luc Dardenne nel suo diario agli inizi della scrittura del film sintetizza in modo perfetto il senso di questa opera in cui i Dardenne esplicitano con un assoluto rigore stilistico il loro sguardo su un'umanità dolente e, ancora una volta dopo La promesse, giovane. La macchina da presa pedina, si potrebbe quasi dire insegue, la protagonista. Le sta incollata spesso alla nuca, soffre insieme a lei che si appiglia a qualsiasi situazione che le possa offrire l'occasione di guardare a se stessa con quella dignità che la madre ha perduto.
L'assenza di colonna sonora musicale di commento, già presente nel film precedente, si fa qui ancora più simbolica ed efficace. Non c'è musica, non c'è armonia che possa sostenere questa ragazza ogni volta vicina alla meta per poi finire ricacciata indietro. Ecco allora che i due autori, con il loro film più distante dai canoni di fruizione abituale, chiedono allo spettatore di partecipare all'angoscia della protagonista lasciando però, ancora una volta, un barlume di speranza.
Solo accettando la realtà dell'altro è possibile riconoscersi come essere umano ed accettarsi anche nelle proprie cadute e nella propria apparente inadeguatezza (quel dolore al ventre che persiste). In Belgio il film creò un movimento di opinione che portò a una legge sul lavoro giovanile definita "Legge Rosetta".

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
ROSETTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Infinity
Premi e nomination Rosetta

premi
nomination
Festival di Cannes
2
0
* * * * -

L'enfant alla dardenne

martedì 21 giugno 2011 di Eugenio

Rosetta che corre,Rosetta che va, Rosetta che scappa in fuga dalla realtà. Una realtà di stenti, miseria e fatica quella in cui si muove la giovane adolescente debilitata nel fisico e spezzata negli affetti familiari da una madre alcolizzata che si concede in cambio di una bottiglia e da un padre inesistente,fuggevole figura senza nome né volto. Rosetta è sola, emarginata, non ha amici, né giochi: è cresciuta troppo in fretta ai margini di una Bidonville lercia e puzzolente, cucinando (quando continua »

* * * * -

La piccola fiammiferaia di liegi

lunedì 20 maggio 2013 di gianleo67

Rosetta,poco più che adolescente, cerca ostinatamente di mantenere un lavoro stabile tra il bisogno di una difficile normalità umana e sociale e la necessità di accudire una madre alcolista con cui vive nella precaria sistemazione di una roulotte alla periferia di Liegi. Incontra Riquet che lavora nel chiosco di un grande panificio e che cerca di aiutarla facendola assumere dal suo principale ed offrendole una sistemazione stabile in casa sua. Quando anche questa occupazione continua »

* * * * -

Una ragazza sola con i suoi guai

sabato 4 gennaio 2014 di Luca Scial�

Rosetta vive in un campeggio, il Gran Kanyon, insieme alla madre, alcolizzata, pronta a prostituirsi per una bottiglia di alcol. Cerca disperatamente un lavoro ma non gliene va bene una. Dalla disperazione arriva a tradire anche l'unico amico che si era trovata, facendolo licenziare per prendere il suo posto. Il lavoro sembra averle dato finalmente un minimo di speranza, ma il mondo le ricrolla addosso. Dopo il film d'esordio La promesse, i fratelli Dardenne riprendono i concetti del Dogma continua »

* * * * -

Mors tua, mors mea

martedì 3 maggio 2016 di Guidobaldo Maria Riccardelli

Angosciante e straziante, obbliga a prendere coscienza di una realtà così disagiata e drammatica, annullando la possibilità di voltarsi dalla parte opposta. Giustamente premiato a suo tempo, rimane del tutto attuale a quasi vent'anni di distanza. Un inseguimento, un vero e proprio pedinamento è quello che offrono i fratelli Dardenne, provocando una seria riflessione sul tema del lavoro, ed in particolare sulla funzione sociale di questo, sulla penosa equivalenza oramai automatica tra lavoro ed continua »

"Tu ti chiami Rosetta, io mi chiamo Rosetta. Tu hai trovato un lavoro, io ho trovato un lavoro. Tu hai trovato un amico, io ho trovato un amico. Tu hai una vita normale, io ho una vita normale. Tu non finirai in un buco nero, io non finirò in un buco nero".
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Gran film, gran personaggio. La protagonista di Rosetta dei fratelli belgi Dardenne è diventata (come Cipputi di Altan lo è stato per il lavoro) un simbolo sociale e sindacale della disoccupazione, uno slogan nelle manifestazioni (“Siamo tutti Rosetta”) nei Paesi francofoni, e si capisce: nessun film sulla disoccupazione è eloquente e bello come questo, in nessuno lo stile fa corpo così strettamente e intimamente con il soggetto, nessuno ha raggiunto una evoluzione del realismo così esatta ed emblematica insieme. »

Rosetta | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | eugenio
  2° | guidobaldo maria riccardelli
  3° | luca scial�
  4° | gianleo67
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Festival di Cannes (2)


Articoli & News
Shop
DVD
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità