Febbre da cavallo

Film 1976 | Commedia 100 min.

Regia di Steno. Un film con Enrico Montesano, Gigi Proietti, Catherine Spaak, Mario Carotenuto, Adolfo Celi, Fernando Cerulli. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1976, durata 100 minuti. - MYmonetro 3,65 su 43 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Febbre da cavallo
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un gruppo di amici alla ricerca di stratagemmi sempre più ingegnosi per pagare i debiti contratti alle corse dei cavalli

Consigliato assolutamente sì!
3,65/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,98
CONSIGLIATO SÌ
Un classico della commedia all'italiana, che fotografa il vizio del gioco nelle sue molteplici sfaccettature.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 23 agosto 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 23 agosto 2017

Bruno Fioretti, detto Mandrake, si barcamena come attore e indossatore, mantenuto dalla barista Gabriella, di cui sperpera i guadagni puntando sulle corse di cavalli. I suoi sodali con il vizio del gioco sono Pomata e Felice, con i quali forma un trio di perdenti senza pari.

La "mandrakata", come la zingarata di Amici miei o il gergo fantozziano, è entrata a far parte del linguaggio comune di bar, uffici e luoghi in cui gli italiani si incontrano e si scambiano risate davanti a una pizza o un caffè.

C'era un tempo in cui il cinema portava a questo, in cui la commedia all'italiana era esempio irraggiungibile di intrattenimento senza che questo scadesse nella volgarità gratuita. Steno, maestro nell'abilità di mescolare registro popolare e graffi da intellettuale già con Totò, fotografa alla perfezione i vizi innocui dell'Italietta della seconda metà dei '70. Il cinismo corrosivo di Risi, l'umiliante classismo di Salce e l'arte dello sfottò di Monicelli lasciano posto a una comicità meno aggressiva, umana e umanista, che mira innanzitutto a stemperare gli animi. Senza spingere sul pedale del triviale e con un velo di satira, lasciando che a condurre sia un dinamico duo mai più così in palla: Gigi "Mandrake" Proietti e Enrico "Pomata" Montesano sono due facce della stessa romanità squattrinata e nullafacente, perdente ma mai doma, sorretta da espedienti e sense of humour. Attorno ai due ruota un microcosmo sommerso di volti patibolari o pittoreschi, il popolo delle sale da gioco, che si affida alla scaramanzia più vetusta e presume una expertise su cavalli e cavalieri puntualmente smentita dai fatti. I gag dello spot di Proietti o del processo, con Adolfo Celi nei panni del giudice, appartengono alla storia della risata, impervi al trascorrere del tempo. I tentativi di imitazione e addirittura di revival-sequel non sono mancati, ma nessuno ha saputo riprodurre la magica combinazione di Febbre da cavallo, ignorato all'epoca della sua uscita in sala e trasformato dai passaggi televisivi in cult inattaccabile. Da vedere e rivedere, senza mai stancarsi.

Commedia goliardica all'italiana.

Tre amici (un indossatore volante, uno sfaccendato e un posteggiatore) hanno il vizio delle corse dei cavalli. Perdono sistematicamente e ogni volta escogitano cervellotici stratagemmi per riuscire a pagare i debiti.

FEBBRE DA CAVALLO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 1 agosto 2015
Super Santos

Da un punto di vista esclusivamente tecnico il film non è un capolavoro ,anche tutta la trama ,che non è malvagia, viene rovinata dal finale troppo confusionario,con un rapimento e un giudice poco credibili. Tuttavia il film rimane un cult per chi scommette regolarmente,ai cavalli ,o al calcio , o ai canguri. La poesia del film ,anche se spesso amara, risiede principalmente nella speranza [...] Vai alla recensione »

martedì 24 marzo 2009
toty bottalla

ma ve lo immaginate 4 super attori tutti nello stesso film, in una commedia, oggi sarebbe impossibile e pensare che quando uscì nelle sale si pensava già a cestinarlo. scusate se mi vanto un po', ma quando se ne parlava con amici o pseudo intenditori che lo schernivano, io dicevo vedrete diventerà un film cult. oggi a 33 anni dal debutto il film risulta ancora più interessante e divertente con scene [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 febbraio 2015
opidum

l'ho rivisto ieri sera. Proietti è fenomenale ma tutti fanno veramente ridere.

sabato 22 ottobre 2011
ALEXLABY

E' chiaro, i tempi sono cambiati e ora le battute si scopiazzano da un film all'altro. Così un film come questo può non fare effetto su un giovanissimo. Chi l'ha visto quando è uscito negli anni settanta si rende più facilmente conto che è un capolavoro e che gli attori sono dei mostri di bravura ineguagliabili dagli attori di oggi.

lunedì 28 giugno 2010
Egyfilm

Questo er mejo che ho visto. non film più bello di questo, perme dovrebbe vincere degli oscar o addiritura il premio nobel alla comicità italiana. io vorrei che lo rifaccessero ma è una cosa in possibile

martedì 19 gennaio 2016
Barolo

Dissento dal critico il film pur avendo certamente un tono goliardico, è straordinario nelle sue invenzioni, estremamente esilarante e ci regala un'autentica perla di comicità nostrana,avvalendosi peraltro dei nostri migliori attori del genere.Steno firma uno dei suoi lavori più riusciti,Il sequel relativamente recente è inutile e patetico.

domenica 4 dicembre 2011
diabolik97

Un film che difficilmente ce ne dimenticheremo anche se è del 1976..Un film che meriterebbe anche l'Oscar.

giovedì 31 dicembre 2009
Egyfilm

é il meglio, lo sarà, ed lo è sempre stato il film più bello di sempre VEDETEVELO IMMEDIATAMENTE ALTRIMENTI NON SAPETE COSA VI PERDERETE SE NON LO GUARDERETE

lunedì 28 giugno 2010
Egyfilm

Questo film è il MIGLIORE DELLA COMICITà ITALIANA  io se potrei darei 10 e lode mi piace tantissimo,anche alle persone che non sono appassionate di film veccchi lo conoscono. Chi non lo vede non sa cosa si perde, perchè non penso che film più belli ci sono nella storia cinematografica italiana. Io non so quante volte l'ho visto,Mi è piaciuto talmente [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 dicembre 2009
Egyfilm

QUESTO FILM RACCONTA DI COME LE PERSONE CHE HANNO I VIZIO DEL GIOCO DEI CAVALLI, SI POSSARE GIOCARE TUTTO QUELLO CHE HA. IN QUESTO FILM LE COSE NON SONO VERE, PERò QUELLO CHE SI VEDE, SUCCEDE ANCHE NELLA REALTà. FEBBRE DA CAVALLO è BELLISSISIMO FILM OLTRE ALLA STORIA , CI SONO ANCHE DEI BRAVISSIMI ATTORE (MONTESANO, PROIETTI, CAROTENUTO E....) ALLA FINE SONO TUTTI BRAVI.

lunedì 28 dicembre 2009
Egyfilm

QUESTO FILM RACCONTA DI COME LE PERSONE CHE HANNO I VIZIO DEL GIOCO DEI CAVALLI, SI POSSARE GIOCARE TUTTO QUELLO CHE HA. IN QUESTO FILM LE COSE NON SONO VERE, PERò QUELLO CHE SI VEDE, SUCCEDE ANCHE NELLA REALTà. FEBBRE DA CAVALLO è BELLISSISIMO FILM OLTRE ALLA STORIA , CI SONO ANCHE DEI BRAVISSIMI ATTORE (MONTESANO, PROIETTI, CAROTENUTO E....) ALLA FINE SONO TUTTI BRAVI.

sabato 10 luglio 2010
batman77

film sicuramente divertente.. ma rimane sempre un film x farsi 2 risate, non urliamo al capolavoro da oscar... ci sono film comici più diverenti e intelligenti se vogliamo. questo arriva pure ad essere demenziale alla fine. divertente la prima ora poi gli ultimi 30 min una mezza schifezza. concordo le 2 stelle e mezzo della recensione.

Frasi
C'hai 'na faccia...
Eh, si ce n'avevo due stavo all'Università, sotto spirito!
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Mandra', sarvate! Sta a arriva' mi' sorella!
Ammazza, è peggiorata eh!
E come faceva a migliora'? Je puzzava er fiato già quanno c'aveva tre anni...faceva scappa' le bambole! Mo ce n'ha cinquanta...è diventata peggio de 'na bomba biologica!
Dialogo tra Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti) - Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Hai combinato uno dei tuoi soliti casini?
C'ho certi ca**i Mafa' che nemmeno tu che sei pratica li hai mai visti!
Dialogo tra Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti) - La moglie di De Marchis (Marialuisa Traversi)
dal film Febbre da cavallo
Lei è in contravvenzione perché venendo dalla 4° zona centro e invertendo la marcia a U nel settore preferenziale BZA adibito a traffico locale, si incanalava nel 5°settore P esclusivo per i giorni dispari, e convergeva in una zona mercato... tassativamente vietata al traffico, soprattutto dopo le severissime disposizioni pedonali, e contravveniva a più riprese aglli articoli: 1,2,13,35,26,1959,54 e 11 del codice della strada!! Sono 47.500£... me pare!
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
....Soldatino,King e d'Artagnan!
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo - a cura di marco baldassarre
Manzotin: Macelleria Rinaldi: chi parla?
Er Pomata:: Pronto... pronto... sì?... sono la governante del conte De Simone Largo Arenula 2, volevo un etto di carne.
Mandrake:
Er Pomata: 1 etto di carne! ...
Mandrake:
Er Pomata: 1 etto di carne! ...
Mandrake: 1 kilo... chè un etto!
Er Pomata: 1 kilo di carne di vitella decente...
Manzotin: Decente? Modestamente ho della carne che sembra viva per quanto è fresca, vuole ripetere l'indirizzo che mando mio figlio?
Er Pomata Conte De Simone, Largo Arenula 2
Er Pomata: Ah! dimenticavo,.. dia a suo figlio il resto di 100.000 lire perché non abbiamo moneta spicciola in casa.
Er Pomata: L'ha bevuta....
Mandrake: Ma vaffanculo, a Poma'!
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
C'ho certi cazzi Mafa' che manco tu che sei pratica li hai visti mai!
Cafone.
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Il momento è grave, no dico nella misura in cui il prezzo delle ova ha toccato vertici da capoggiro fagocitando l'inflazione secondo la logica alienante del consumismo, a monte nascono tutta una serie di problemi gravissimi se te voi compra' n'ovo bisogna che prima' te trovi 'n socio così uno se magna il rosso uno se beve la chiava e diventa un problema de massa e la massa cos'e'? La massa è una marea de ggente la massa sono tanti, il problema diventa sociale dall'ovo se fa presto ad arriva' alla guera atomica. Ma tu te rendi conto a Gabrie' che pericolo de gnente?"
Eh sì, ho capito, eh!
Dialogo tra Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti) - Gabriella, la ragazza di Mandrake (Catherine Spaak)
dal film Febbre da cavallo
Questa è la più grossa stronzata mai sentita da quanno l'omo inventò er cavallo!
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Avvocato De Marchis, i miei rispetti.
Aaahhh!
Avvoca', mi scusi se la importuno ma mi rivolgo a lei in nome della solidarietà che ci lega da anni.
Ma quale solidarietà?
A solidarietà equina! Er mondo dei cavalli! Avvoca', se non ci aiutiamo fra di noi...
Guarda Pomata, oggi è una brutta giornata, eh?
Avvoca', solo lei che è giocatore me po' capì: c'ho un cavallo bono 'ppe Agnano. Mi dia una mano, me bastano solo 100.000. E poi lei mi conosce...
Apposta perché te conosco...
Avvoca', je basta questo ppe garanzia?
E che sarebbe?
Er libretto de pensione de mi nonna. Mi nonna è na signora!
Ma nte vergogni?
E manco pe niente! Io poi vinco e je faccio un bel regaletto a nonna.
Ecco, piuttosto vorrei sapere chi è 'sto cavallo sicuro?
Can-can!
Can-can? Ma quello è un paralitico!
No, nun dia retta avvoca', è subdolo: pare paralitico, ma quello è un cavallo de Troia avvoca'! Allora?
Niente!
Avvoca', va bene questa? 12 grammi senza conta' a catenina.
Ah Poma', è fasulla!
Sì, ma è benedetta!
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - L'avvocato De Marchis (Mario Carotenuto)
dal film Febbre da cavallo
Mandrake "Un mestiere cello'. Io c'ho un mestiere, che adesso non faccio per vantarmi, ma se non ero un fregnone a quest'ora il sottoscritto poteva essere un attore de grido sai soltanto con il mio sorriso maggico potevo sfonna'. Fatte conto un Dusti Ofman ..., Steve Mequeen..., Ar Pacino..
E chesso'? cavalli.
No so fantini.
E allora checce frega?
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
A Pomata, quante volte te lo devo dì che nun me chiamo Manzotin, me chiamo Rinaldi Otello!
Sì, tre chili de trippa e due de budello, eh! Cor quel nome giusto er macellaro potevi fà.
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
A Pomà, c'hai 'na faccia...!
Sì, se ce n'avevo due già stavo all'università... sotto spirito!
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Dottor Macalini? Dottore? Dottor Macalini? Scusi.
Desidera?
Guardi: queste so tutte medicine che... Non so se lei.. Sia bono dotto', questa è tutta robba che ho preso qui da voi, quando c'è sua sorella che fa il turno de notte, vede? È vostra, c'è la busta cor nome. Pora nonna mia! È morta!
Mi dispiace...
È morta tenendomi la mano, se me da na mano pure lei... tanto ormai 'sta roba qui nu je serve più. Invece noi c'avemo tante spese per il funerale: er carro, i cavalli, eh quelli, costano, lo so io lo so.
Che età c'aveva?
Suppergiù l'età vostra, un fiore.
Non sarebbe regolare... ma in via eccezionale...
Grazie, grazie, lei è n'angelo dottor Macalini.
So' 48.800.
Grazie, lo sapevo, grazie.
Queste so' 50.000 lire, ce l'hai 1.200 de' resto?
Sì, penso de sì, c'ho 1.000 lire e... e na gomma.
Va bene, tanto e gomme so' bone.
Questa m'a porto via, nun se sa mai. Grazie tanto anche a nome de pora nonna, anzi se l'incontra m'a saluti.
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
È un'idea per la quale servirebbe un'abilità istrionica che non so se mi posso fidare di voi due ma 'sta vorta fidamose.
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Ooh a Mandrake, ma 'ndo vai, al Polo Norde?
A Manzotì, io anderò al Polo Nord, ma tu devi annà a fanculo!
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
È un whisky maschio senza raschio!
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Ah rega', parlamo come un cavallo stampato. Ma poi io che leggo a fa', che leggo a fa', c'ho tutto qui nella capoccia, so' un computer equino, a me me dovrebbero da' 'na laurea in scienze del cavallo.
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Bravo, dàje 'n mozzico, ma no ar cavallo, a quer bòjone de Ciccolì… A Ciccolì, dàtte all'ippicaaaa!
Dialogo tra Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Ah Mafà, c'ho certi ca**i che manco te che sei esperta li hai visti mai.
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Lo capite? Io rimango proprio solo. Oggi o domani che pure mi sorella me se sposa...
Mandrake Nooooo, a questo non ce devi proprio pensa'!
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Tu poi solo scommette che tu moje te mette le corna che vinci de sicuro!
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Antonello da Messina vincente, ma i soldi chi ce li ha? Questo è un problema che sta a monte. Al Monte dei pegni! Tiè, me so' impegnato tutto, guarda qua: un cappotto de cammello, er vestito de cachemir , un paio de lenzola del corredo de mi sorella, tanto quella quando se sposa, nun si affiata con nessuno.
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Figlio di puttana!
Ah, ah, lassa perde pora mamma.
Dialogo tra Gabriella, la ragazza di Mandrake (Catherine Spaak) - Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Armando sei tu?
E chi voi che sia, Arsenio Lupin che viè a rubbacce li pidocchi?"
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo
Felice lo dice anche il nome Caligola, "A", finisce per "A"
Caligola è nome da omo, Caligola, come Agrippina. A 'gnorante!
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
Se io quando perdo mi sento un po' in colpa per cui mi scatta questo complesso di colpa e.... che colpa ne ho?
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo
"Avvocà, je basta questo pè garanzia?"
"E che sarebbe??"
"Er libretto de pensione de mi nonna.. mi nonna è na signora!"
"Ma nun te vergogni!?"
"E manco pè niente, io poi vinco, e je faccio nber regaletto a nonna!"
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo - a cura di Francesco89
"Dove troviamo i soldi? Questo è un problema che sta a monte, si, al monte di pietà!"
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo - a cura di mario
- Scusi, che ha visto il conte Dell'Ara?
- Ahò io faccio l'allibbratore mica l'uscere...
Una frase di Armando Pellicci, 'Er Pomata' (Enrico Montesano)
dal film Febbre da cavallo - a cura di Kinghe
in visita alla nonna ''morta'' der Pomata:
''A Pomà, che te devo dì? ... E pure se t'o dicessi?... Che t'o dico a ffà?''
Una frase di Bruno Fioretti, 'Mandrake' (Gigi Proietti)
dal film Febbre da cavallo - a cura di amico_di_mafalda
"... halò ?! E' l'avvocato De Marchis che parla...telefono a proposito di quella cosuccia ... di quella cambialetta...come? ... Cambialona ? ...Eh eh eh... addirittura... non si va in galera per una cambiale... comunque sto telefonando per dirle , che ho molte cose che stanno bollendo in pentola , e qui massimo ventiquattrore ... io finisco in galera ?!! AAAAAAridaje ma lei mi trascina cò questa galera ! Abbia pazienza! Io sono un "gendtleman" io sono un proprietario di cavalli... ho una scuderia......!!!!"
L'avvocato De Marchis (Mario Carotenuto)
dal film Febbre da cavallo - a cura di angelo di palma
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alberto Crespi
L'Unità

Sono tornati: a distanza di 26 anni Mandrake, er Pomata e i loro soci cavallari ritornano sul luogo del delitto, pardon, della Tris. Mandati in pensione Soldatino, King e D’Artagnan (i tre mitici brocchi dei vecchio film di Meno), stavolta tocca a un trottatore di nome Pokemon - è il prezzo da pagare ai nuovi tempi - popolare i loro sogni e, più frequentemente, i loro incubi.

Giovanna Grassi
Il Corriere della Sera

Retroscena sul sequel della pellicola di culto con Proietti, nelle sale dall’8 novembre. Gli autori: ci hanno convinti tutti quelli che ancora oggi citano la prima storia che fu diretta da papà. Correva l’anno 1976 quando uscì, con un discreto, ma non eclatante successo, il film di Steno Febbre da cavallo sceneggiato dallo stesso regista con il figlio Enrico Vanzina e Alfredo Giannetti, interpretato [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati