Chinatown

Film 1974 | Giallo +16 131 min.

Regia di Roman Polanski. Un film Da vedere 1974 con Jack Nicholson, Faye Dunaway, John Huston, Perry Lopez, John Hillerman, Darrell Zwerling. Cast completo Genere Giallo - USA, 1974, durata 131 minuti. Uscita cinema lunedì 26 maggio 2014 distribuito da Cineteca di Bologna. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 4,56 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Chinatown
tra i tuoi film preferiti.




oppure

A Chinatown, il quartiere cinese di San Francisco, un detective ex poliziotto minaccia involontariamente gli interessi di personalità influenti che ce... Il film ha ottenuto 14 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, 7 candidature e vinto 4 Golden Globes.

Chinatown è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,56/5
MYMOVIES 4,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,46
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un perfetto neonoir in cui il suo disincantato protagonista è parte del raggiro quanto lo spettatore.
Marco Chiani
Marco Chiani

Los Angeles, 1937. L'investigatore privato J. J. Gittes è incaricato da una sedicente signora Mulwray di indagare sulle presunte scappatelle del marito, Hollis Mulwray, ingegnere capo del Dipartimento Acque, oppostosi fermamente alla costruzione di una diga idealmente in grado di mettere fine alla siccità. Ma nulla è come appare in una città in mano alla speculazione edilizia del vecchio magnate Noah Cross, padre della vera signora Mulwray, presto vedova. Insieme ad una corruzione dilagante, dalle indagini di Gittes emergerà, infatti, una sconvolgente e fosca vicenda legata alla famiglia Cross.
Primo titolo di richiamo a riportare sul grande schermo le atmosfere del noir classico con cura quasi filologica, Chinatown flirta con la vecchia Hollywood a partire dai titoli di testa, dal gioco innescato con il mito della femme fatale e con quello di un private eye di indiscutibile ascendenza "marlowiana", soprattutto, con un intrigo memore del Raymond Chandler più ispirato. Aveva ragione da vendere Giuseppe Grazzini, parlando di « [...] un labirinto nel quale lo spettatore si perderebbe se Roman Polanski, che ha messo lo zampino anche nella sceneggiatura, non gli offrisse la bussola d'uno stile ammirevole». (Cinema '74, Biblioteca Universale Laterza, p. 90 - 91). Proprio al cineasta quarantenne, di ritorno in America dopo l'esperienza inglese di Macbeth e quella italiana di Che?, si deve una prova di grande chiarezza espositiva in cui "aggiustamenti" visivamente efficaci asciugano il plot, inizialmente, troppo macchinoso di Robert Towne. Escludendo i disaccordi tra regista e sceneggiatore, in special modo sul finale, siamo alle prese con un'opera di chiara e inequivocabile matrice polanskiana benché sia nata su commissione. È il caso, a livello teorico, di tutto il simbolismo legato al concetto di acqua, una costante di tutto il percorso del cineasta: si pensi alla morte di Mulwray, all'inondazione di cui lo stesso Gittes è vittima oppure alla scelta di attribuire al villain il nome di Noah. Grazie anche alle luci di John A. Alonzo, che sostituì il veterano Stanley Cortez dopo dieci giorni di insoddisfacente lavoro, e all'inappuntabile impegno recitativo dell'intera squadra, un'atmosfera di malinconico appiglio permea una sequela di sequenze capaci di smentirsi l'una con l'altra, senza mai confondere o irritare, fino al sovrapporsi di dramma sociale e privato. Pur rinunciando alla voce fuori campo, tipica del noir classico, Chinatown rimane una pellicola accordata in prima persona, un perfetto neonoir in cui il suo disincantato protagonista è parte del raggiro quanto lo spettatore. Il regista compare nel cammeo del gorilla che sfregia Gittes al naso con un coltello. Nel 1990, Jack Nicholson diresse il sequel Il grande inganno con esiti decisamente minori.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
Recensione di Stefano Lo Verme

Los Angeles, 1937. Il detective privato Jake Gittes viene ingaggiato per indagare sulle presunte infedeltà coniugali di Hollis Mulwray, ingegnere capo del dipartimento idrico della città; ma dopo aver svolto il suo incarico, Gittes si rende conto di essere stato raggirato, e si troverà coinvolto suo malgrado in un'intricatissima serie di complotti, omicidi e doppi giochi, tra corruzione politica e torbidi segreti familiari...
Il grande regista Roman Polanski recupera i soggetti e le atmosfere proprie del genere noir degli anni '40 per dar vita ad un indimenticabile film poliziesco: Chinatown, un'autentica pietra miliare della cinematografia americana, che ha ottenuto il premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale e quattro Golden Globe. Ambientato non a caso nella torrida Los Angeles degli anni '30, il film di Polanski presenta tutti gli ingredienti di un tipico hard-boiled: un investigatore cinico e senza scrupoli che sembra fare il verso a Philip Marlowe e Sam Spade; una trama complicata quasi quanto quella de Il grande sonno; il tema di un oscuro passato che non cessa di tormentare i vari personaggi.
Protagonista della pellicola è uno straordinario Jack Nicholson nel mitico ruolo di Jake Gittes, detective dai modi spiccioli e sbrigativi e dotato di un sardonico senso dell'umorismo, con il cerotto sul naso e lo sguardo da duro sotto la visiera del cappello. Nel corso delle sue indagini, che si riveleranno assai più rischiose del previsto, Gittes troverà al proprio fianco l'affascinante Evelyn Mulwray, interpretata dalla splendida Faye Dunaway, una femme-fatale misteriosa e sfuggente che nasconde un terribile segreto. Ad una trama appassionante e ricca di colpi di scena si accompagna un indefinibile senso di minaccia, caratteristica ricorrente nel cinema di Polanski (basti pensare al celeberrimo Rosemary's baby), insieme all'idea di un Male sordido e strisciante, che trova la sua manifestazione concreta nella figura dell'ambiguo milionario Noah Cross, superbamente interpretato da un memorabile John Huston. Ritorna anche l'elemento dell'acqua, centrale all'interno della trama (l'acqua è infatti la chiave dell'intera vicenda) e utilizzato spesso da Polanski in funzione simbolica (vedi Il coltello nell'acqua). La stessa Chinatown, da cui il titolo del film, è un'evidente metafora del caos della condizione umana (il drammatico passato di Gittes è legato proprio al quartiere cinese); un luogo tenebroso e senza legge nel quale i confini tra Bene e Male sono cancellati, e che fungerà da sfondo per il terribile epilogo. Emblematica in questo senso la frase finale della pellicola: "Lascia perdere, Jake... è Chinatown".
La magistrale regia di Roman Polanski (che compare in un breve cameo nella parte del gangster che sfregia il naso di Jack Nicholson), l'eccellente sceneggiatura di Robert Towne, la meravigliosa colonna sonora composta da Jerry Goldsmith, la fenomenale bravura degli attori, l'atmosfera di cupo romanticismo che domina il film... tutte queste componenti hanno contribuito a rendere Chinatown un capolavoro senza tempo, un vero e proprio classico nella storia del cinema. Nel 1990, Nicholson è tornato a indossare i panni di Jake Gittes in un sequel intitolato Il grande inganno, da lui stesso diretto.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Recensione di Stefano Lo Verme

A Chinatown, il quartiere cinese di San Francisco, un detective ex poliziotto minaccia involontariamente gli interessi di personalità influenti che cercano di toglierlo di mezzo. Nicholson è credibile; la Dunaway ha una parte che ricorda da vicino quella affidata a Mary Astor nel Mistero del falco.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
CHINATOWN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 22 maggio 2013
Beppe Baiocchi

Los Angeles, 1937. Jack Gittes (Jack Nicholson) è un investigatore privato, viene assunto da una facoltosa donna per scoprire l'infedeltà del marito. A seguito di questa indagine, Gittes si troverà immischiato in un turbinio di vicende, omicidi, corruzione che hanno come filo conduttore la costruzione di una diga per sopperire alla siccità che sta colpendo la città. [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2010
Luca Scialo

Film "giallo" che scorre lento ed implacabile come un tango argentino. Un investigatore privato, ex poliziotto, J.J. Gittes, da quello che sembra un banale caso di tradimento extraconiugale finisce con lo scoprire un sistema di corruzione e illegalità messo in piedi dal magnate Noah Cross. Quest'ultimo, uomo di potere senza scrupoli, è pronto a fare fuori chiunque gli ostacoli [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 giugno 2017
l''uomo della sala

Roman ci regala uno dei film più belli della storia del cinema ma sconosciuto ai più. la trama non potrebbe essere più geniale, un neo-noir che parte da un piccolo mistero per poi finire in un complotto diabolico passando per tanti colpi di scena. l'apparato tecnico è formidabile, grazie a lui finiamo in ua San Francisco onirica e oscura: la fotografia è strraordinaria [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 gennaio 2011
Francesco2

(Ri) crea , negli anni'70, in cui è nato chi sta scrivendo ma chi gli sono stati descritti come epoca di transizione, un decennio di depressione (almeno economica) come quello degli anni'30 (Ma i protagonisti, nota da ignorante, non vestono troppo moderno?) E' un atmosfera conturbata e conturbante (E'un caso che Veltroni, nello scrivere sul film, abbia citato Chandler?), in cui lo stesso protagonista [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 giugno 2017
l''uomo della sala

Roman ci regala uno dei film più belli della storia del cinema ma sconosciuto ai più. la trama non potrebbe essere più geniale, un neo-noir che parte da un piccolo mistero per poi finire in un complotto diabolico passando per tanti colpi di scena. l'apparato tecnico è formidabile, grazie a lui finiamo in ua San Francisco onirica e oscura: la fotografia è strraordinaria [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 giugno 2017
l''uomo della sala

Roman ci regala uno dei film più belli della storia del cinema ma sconosciuto ai più. la trama non potrebbe essere più geniale, un neo-noir che parte da un piccolo mistero per poi finire in un complotto diabolico passando per tanti colpi di scena. l'apparato tecnico è formidabile, grazie a lui finiamo in ua San Francisco onirica e oscura: la fotografia è strraordinaria [...] Vai alla recensione »

giovedì 11 maggio 2017
Great Steven

  CHINATOWN (USA, 1974) diretto da ROMAN POLANSKI. Interpretato da JACK NICHOLSON, FAYE DUNAWAY, JOHN HUSTON, BURT YOUNG, BRUCE GLOVER Nell’assolata e deserta Los Angeles del 1937, al detective privato Jacob Gittes si rivolge una donna che si spaccia per la signora Muwlray, moglie del più importante proprietario idrogeologico della metropoli, chiedendogli di indagare su un [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 marzo 2017
elgatoloco

Nicholson, Dunaway, Huston(che qui è il"vilain", l'"hjio de puta", per dirla in latinoamericano più che in castigliano puro, con tutte le contrazioni e le variazioni previste...)in questo"Chinatown"di Polanski che rimane un grandissimo film, anche per chi preferisca(di poco, però, come anche chi scrive)il Polanski fantastico, "dark", [...] Vai alla recensione »

sabato 15 ottobre 2011
brundlefly

 Un appassionato del pioniere della letteratura americana Raymond Chandler, la cui mente partorì nel 1939 il detective Philip Marlowe, troverà ogni ingrediente adatto a far rientrare questo film tra i grandi capolavori. L'intera pellicola è costellata da argute e mai scontate battute di spirito, personaggi particolarmente carismatici e, last but not least, la sempre accattivant [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 maggio 2012
tiamaster

Chinatown è uno di quei rari esempi di film,che dopo decenni,continua a comunicare come se fosse un film contemporaneo.Merito del grandissimo regista Roman Polanski,un caposaldo del cinema stesso,capace di regalare mille capolavori come "carnage","rosemary's baby" e molti altri che non starò qui a citare.Incredibile la forza narrativa ed espressiva del film,che [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2011
Marco Michielis

Guardare un film come Chinatown è per certi versi un'impresa: credo sia una delle pellicole in cui la macchina da presa segue maggiormente il protagonista. In pratica non se ne separà mai, e, se è anche vero che ciò si ritrova in parecchi film gialli, è altrettanto vero che Polanski dimostra un'attenzione quasi morbosa nei confronti del suo Jack Gittes. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 luglio 2012
break

Anni 30 Los Angeles. Un investigatore privato, ex poliziotto con un brutto ricordo legato a Chinatown, indaga su un crimine non troppo misterioso. La storia non è delle migliori, non si può certo paragonare a una trama alla Hitchcock. Il tutto si svolge piatto, senza suspance ed emozionanti colpi di scena. Anche il finale è piuttosto deludente e sconclusionato.

domenica 31 luglio 2011
fedeleto

Un investigatore privato si ritrova incastrato in una situazione dove la riserva d'acqua  e la struttura idrica della citta' e' usata da un uomo senza scrupoli ,e come se non bastasse e' anche autore di un incesto,riuscira' l'investigatore a uscire dai guai e a salvare una donna molto misteriosa che tra l'altro lo ha assunto? Polanski adatta la sceneggiatura di robert [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 ottobre 2010
burton99

Jack Nicholson ha un non so che di grandioso nell'interpretare l'investigatore privato. 1 oscar? No, non hanno capito niente gli oscar, questo sarebbe da migliuor film, miglior regia, miglior attore e anche sceneggiatura originale, per cui l'hanno premiato. Polanski bravissimo, tutto in questo film è uno splendore. Veramente meraviglioso.

sabato 20 agosto 2011
ivan91

nn ci sono parole per descrivere questo film immortale

venerdì 17 luglio 2009
paride86

Noir in perfetto stile anni '40, curato ei minimi dettagli. A questo film non manca proprio nulla: intrigo, mistero, sensualità, scenografie bellssime, colpi di scena: insomma, è assolutamente da vedere. Grandissimo Jack Nicholson e finale imprevedibile.

martedì 4 maggio 2010
il cinefilo

CHINATOWN di Roman Polanski è un bellissimo film "mistery" in segno dell'miglior stile di R.Polanski. TRAMA:a los Angeles,nell'1937 un investigatore privato di nome J.Gittes(J.Nicholson) si ritrova invischiato in una oscura rete di omicidi,corruzione e scandali occultati insieme a una donna(Faye Dunaway)e dovrà svelarne il mistero...RECENSIONE:il film oltre ad essere recitato in maniera eccellente(tra [...] Vai alla recensione »

sabato 17 ottobre 2009
joker91

un capolavoro del noir senza ombra di dubbio. Jack Nicholson e grandissimo come sempre,la Dunaway e magnifica,il tutto unito con la regia del grandissimo Roman Polansky. Un film che ha fatto scuola in questo genere e resta e rimane tra i 100 migliori film di tutti i tempi. Grande cast e grande Polansky

sabato 31 maggio 2014
brian77

Questo è un capolavoro dall'inizio alla fine. C'è poco da dire, tranne vederlo e rivederlo. Fino all'orrore finale del grande John Huston, che riunisce in sé tutti i poteri più feroci, padre, padrone, Capitale, Hollywood...

giovedì 24 ottobre 2013
cimosa

L'investigatore privato Jack Gittes ci viene presentato come un professionista,con un tocco di pacatezza e stile nel svolgere il suo mestiere in modo risoluto e onesto "per quanto lo si possa rimanere" .Polansky ci tiene sempre in una voglia di scoprire un "di più";quanto lo può essere un viso coperto dal fumo di una sigaretta o il passato di Gittes a Chinatown.Al [...] Vai alla recensione »

martedì 13 dicembre 2011
denzel for ever

mi dispiace...ma il film è si bello...ma nn lo ritengo un capolavoro da 4.5 stelline...e poi che cosa mi significa quel finale...nn l'ho proprio capito

martedì 11 ottobre 2011
ivan91

film che aha fatto storia del cinema nero anni 70 un vero gioello che tutti gli amanti del cinema dovrebbero guardare!! jack niconson straordinario faye dunaway pure.

sabato 15 ottobre 2011
ivan91

stupendo noir anni 70 con un jack nicholson memorabile. la sceneggiatura è geniale e la storia è molto intrigante.amarissimo il finale.da vedere e rivedere

venerdì 21 ottobre 2011
brundlefly

 Un appassionato del pioniere della letteratura americana Raymond Chandler, la cui mente partorì nel 1939 il detective Philip Marlowe, troverà ogni ingrediente adatto a far rientrare questo film tra i grandi capolavori. L'intera pellicola è costellata da argute e mai scontate battute di spirito, personaggi particolarmente carismatici e, last but not least, la sempre accattivant [...] Vai alla recensione »

Frasi
Lei ha un'orrenda reputazione, signor Gittes: mi congratulo.
Dialogo tra J.J. Gittes (Jack Nicholson) - Noah Cross (John Huston)
dal film Chinatown
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Giovanni Grazzini
Il Corriere della Sera

Los Angeles 1937. Jack Gittes, «poliziotto perbene», ha avuto dei guai nel quartiere cinese: mollati i colleghi e cambiata aria, si è messo in proprio, specializzato in inchieste matrimoniali. Quando una moglie che si crede tradita, la signora Evelyn Mulwray, ricorre ai suoi servizi, fa come sempre un lavoro coscienzioso: pedina il marito (che è l'assessore alle acque) e ne fotografa le mosse.

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

«Lascia stare, Jake: è Chinatown», dice un amico a J.J. Gittes, poliziotto privato, nell’ultima scena del film, dopo che gli eventi più atroci e insensati si sono susseguiti a conclusione di una torbida vicenda. Per lo scrittore Robert Towne (quello de L’ultima corvée), che si è ispirato ai romanzi di Hammett e di Chandler, la «città cinese» di San Francisco, indecifrabile e senza legge, è una metafora [...] Vai alla recensione »

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

Tanto per cominciare, Roman Polanski, non lo volevano proprio. Robert Evans, boss della Paramount, e lo scrittore Robert Towne, che da tempo stavano progettando un poliziesco in stile Raymond Chandler, per la regia di Chinatown avevano altre idee. Fu Jack Nicholson, che doveva incarnare il poliziotto privato J. J. Gittes, a caldeggiare la candidatura dell'esule polacco; e Towne, che aveva scritto sulla [...] Vai alla recensione »

winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
1974
winner
miglior film
Golden Globes
1975
winner
miglior regia
Golden Globes
1975
winner
miglior attore
Golden Globes
1975
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
1975
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati