Tutti i Vermeer a New York

Un film di Jon Jost. Con Emmanuelle Chaulet, Stephen Lack, Katherine Bean, Grace Phillips Titolo originale All the Vermeers in New York. Drammatico, durata 87 min. - USA 1990. MYMONETRO Tutti i Vermeer a New York * * 1/2 - - valutazione media: 2,75 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,75/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Emmanuelle Chaulet
Emmanuelle Chaulet   Interpreta Anna
Stephen Lack
Stephen Lack   Interpreta Mark
Katherine Bean
Katherine Bean   Interpreta Nicole
Grace Phillips
Grace Phillips   Interpreta Felicity
   
   
   
Un film a basso costo, molto interessante per un regista esordiente. Vedremo se in futuro perderà alcune leggere ingenuità e saprà raggiungere la statura di un vero autore.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
    * * * - -
Locandina Tutti i Vermeer a New York

Un film a basso costo, molto interessante per un regista esordiente. Vedremo se in futuro perderà alcune leggere ingenuità e saprà raggiungere la statura di un vero autore. È una storia moderna con chiari riferimenti a Proust. New York, siamo al Metropolitan Museum. Un agente di cambio, Mark, s'invaghisce di Anna. Lei è un'attrice di origine francese e vive in un appartamento con Felicity, di buona famiglia, e con una soprano in erba. Mark le propone di vivere con lui. Lei lo asseconda e si fa dare con l'inganno una grossa somma. Poi si prepara a partire con Felicity per la Francia. Mark si sente male in una cabina del museo e prima di morire riesce a telefonare ad Anna.

Premi e nomination Tutti i Vermeer a New York MYmovies
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Tutti i Vermeer a New York adesso. »

di Irene Bignardi La Repubblica

Da una parte Jan Vermeer di Delft (1632-1675), pittore olandese, che mori giovane e sulla cui vita si hanno poche notizie. Ma in compenso i suoi quadri - piccoli interni di vita borghese, scene domestiche, ritratti di donne colte in momenti di poetica quotidianità - furono molto amati dai letterati della fine del secolo scorso, primo fra tutti Marcel Proust: e si direbbe che siano molto amati dai cìneasti di questo secolo, visto che un suo quadro, La dentellière, ha ispirato a Goretta il film omonimo(La merlettaia) e che ora il nome di Vermeer figura addirittura nel titolo di Tutti i Vermeer a New York. »

di Enzo Siciliano

New York è uno splendido oggetto da cinema. In anni passati, per rapirne il senso dedalico e geometrico, quel senso che Mondrian aveva già dipinto come un platonico progetto nel suo Boogie-Woogie, bisognava riferirsi a Scorsese, a Taxi Driver. Manhattan di Woody Allen fu la messa in pagina di un sentimento fin troppo affettuoso, seppure persuasivo. Ma Woody Allen indulge alle carinerie, anche se vuole essere ruvido: la sua New York, sempre ben fotografata, rischia talvolta di diventare un'illustrazione di maniera. »

Tutti i Vermeer a New York | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Rassegna stampa
Irene Bignardi
Tullio Kezich
Scheda | Cast | News | Frasi | Rassegna Stampa | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2015 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità