MYmovies.it
Advertisement
52. Pesaro Film Festival, i vincitori

Il francese Les Ogres vince il premio come Miglior Film. Menzioni speciali per Per un figlio di Suranga Deshapriya Katugampala e David di Jan Tesitel.

In foto una scena del film Les Ogres, vincitore della 52esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.
domenica 10 luglio 2016 - Festival

Sono stati annunciati ieri sera a Pesaro i vincitori della 52esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

La 52esima edizione della Mostra, diretta da Pedro Armocida, si è svolta a Pesaro dal 2 al 9 luglio.
MYmovies.it

Il concorso comprendeva quest'anno un ristretto numero di opere prime e seconde selezionate da un comitato formato da Pedro Armocida, Paola Cassano, Cecilia Ermini, Anthony Ettorre e Michela Greco. Per arrivare alla selezione dei titoli, il comitato ha visionato centinaia di titoli e scelto quelli cinematograficamente più liberi, più nuovi, lontani anche dall'idea che si ha dei film "da festival".


I VINCITORI
La giuria, composta da sedici studenti provenienti dalle Università di cinema italiane, ha assegnato dopo intense discussioni il Premio Lino Micciché per il miglior film del Concorso Pesaro Nuovo Cinema a:

Les Ogres di Léa Fehner (Francia, 2015, 144').
Con la seguente motivazione -"Per raccontare con efficacia le molteplici sfumature della vita, che prendono forma nella rappresentazione di un variopinto microcosmo; per la sua narrazione acrobatica e dinamica che avvolge lo spettatore in un girotondo di note, colori ed emozioni; per l'incisività dei dialoghi che restituiscono la malinconia dell'esistenza; per farsi specchio sognante dell'essenza artistica della natura umana"- la giuria della 52. Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro assegna all'unanimità il premio Lino Miccichè al film Les Ogres di Léa Fehner".

Les Ogres di Léa Fehner ha vinto anche il Premio del pubblico - Cinema in piazza, votato dagli spettatori presenti alle proiezioni delle serate in piazza.


Inoltre, la giuria ha deciso di assegnare due menzioni speciali a:
1) Per un figlio di Suranga Deshapriya Katugampala (Italia, 2016, 74'): per l'emozionante racconto di un'intimità che si impone sullo schermo come autentico ritratto sociale; per il suo verismo che sfuma in una seducente mappa simbolica; e per l'interpretazione della protagonista, che racchiude nei suoi affanni e nei suoi sguardi silenziosi la fatica del percorso verso una piena multiculturalità.

2) David di Jan Tesitel (Repubblica Ceca 2015, 78'): per la sua coerenza stilistico-formale; per il suo sguardo audace sull'incomunicabilità dei sentimenti; per il suo attore protagonista in grado di far emergere con estrema verità la complessità del suo personaggio e ad imprimere al film una tensione psicologica sempre vibrante.


VAI ALLO SPECIALE: PESARO FILM FESTIVAL 2016
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati