Frasi celebri dal film Amici miei

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Amici miei   Dvd Amici miei  
Un film di Mario Monicelli. Con Ugo Tognazzi, Philippe Noiret, Gastone Moschin, Duilio Del Prete, Adolfo Celi.
continua»
Commedia, durata 109' min. - Italia 1975. MYMONETRO Amici miei * * * * - valutazione media: 4,23 su 59 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
primo piano
Che cosa è il genio? Fantasia, intuizione, precisione e velocità di esecuzione!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
 Altre citazioni dal film Amici miei 
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Qui c’è gente che soffre per davvero, capite?! Chiamo il medico di turno, e domani ve la vedrete col professore!
Scappellato?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Eccoli qui, gli amici miei. Cari amici…
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Tarapia tapioco, la superca**ola brematurata con scappellamento a destra, come fusse antani.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi) e Titti Ambrosio (Silvia Dionisio)
Mascetti: Bisogna saper guardare in faccia la realtà: è stato un sogno, un sogno molto bello e basta. Tu hai diciott'anni, io ne ho cinquantadue. Non è per quei trentaquattro anni di differenza, che poi sarebbero il meno, è che il nostro amore non può avere nessun avvenire. Coraggio Titti, è meglio che ci togliamo il coltello dalla piaga e non ci pensiamo più. Ma sii adulto… Addio, Titti.
Titti: Addio bucaiolo, ci si vede domani al solito posto!
Mascetti: A che ora?
Titti: A mezzogiorno come sempre.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Strage di mondane brutalmente assassinate da bande di finocchi armati.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi) e Rambaldo Melandri (Gastone Moschin)
Fuori non sapevo cosa fare tutto il giorno. Mi rompevo i coglioni. Sarà la vecchiaia...
Eh, no! La vecchiaia è quando si comincia a rompere i coglioni agli altri!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Di nuovo le stelle... Come le ho viste la notte scorsa e tante altre notti: notti, giorni, amori, avvenimenti... Ho già sulle spalle un bel fardello di cose passate. E quelle future? Che sia per questo, per non sentire il peso di tutto questo, che continuo a non prender nulla sul serio? Oppure che abbia ragione mio figlio? Mah! [...] Però è stata una bella giornata: bella, libera, stupida, come quando s'era ragazzi. Chissà quando ne capiterà un'altra...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi) e Titti Ambrosio (Silvia Dionisio)
Conte Mascetti: Dove sei stata tr**a??
Titti: A cavallo!
Conte Mascetti: Di chi, pu***na??
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Allora levatevi da' coglioni che devo morire.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Necchi (Duilio Del Prete) e Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Ragazzi, ora che si fa?
Lo sci d'acqua!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rambaldo Melandri (Gastone Moschin)
Ragazzi, come si sta bene fra noi, fra uomini! Ma perché non siamo nati tutti finocchi?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret) e Rambaldo Melandri (Gastone Moschin)
Vigile: Lei ha clacsonato.
Perozzi: Tu 'a clacsonato! Eeeeeh!
Melandri: Io nooo! Ah sì, ho appoggiato appena il gomito! È un clacson sensibilissimo, basta toccarlo, vede! Anche col gomito! Certe volte lo sfioro appena così...
Perozzi: Non è possibile...
Melandri: Come no, prova!
Perozzi: Fa un po' vedere Eeeh, davvero!
Melandri: Visto!
Perozzi: Il mio invece è duro, per farlo suonare bisogna...
Melandri: Ma che fa, scrive? Provi, provi anche lei! Basta la punta di un dito, vede! Eh!

Mascetti: Tarapio tapioco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?
Vigile: Prego?
Mascetti: No, mi permetta, no io... Scusi, noi siamo in quattro, come se fosse antani anche per lei soltanto in due oppure in quattro anche scribai con cofandina, come antifurto, per esempio.
Vigile: Ma quale antifurto! Mi faccia il piacere, questi signori qui stavano suonando loro, 'un s'intrometta!
Mascetti: Ma no, aspetti, mi porga l'indice, ecco lo alzi così, guardi, guardi, guardi, lo vede il dito, lo vede che stuzzica, e prematura anche! Ma, allora io le potrei dire, anche col rispetto per l'autorità, che anche soltanto le due cose come vicesindindaco, capisce?
Vigile: Vicesindaco?

Vigile: Basta così, mi seguano al commissariato!
Perozzi: No! No! Attenzione, no, pattene soppaltate secondo l'articolo 12, abbia pazienza, sennò posterdati per due anche un pochina antani prefettura!
Mascetti: Senza contare che la supercazzola prematurata ha perso i contatti col tarapio tapica!

Mascetti: Senti Necchi, tu non ti devi permettere di intervenire quando io faccio la supercazzola!
Necchi: Se 'un c'ero io vi portava tutti via co' i'carr'attrezzi!
Mascetti: Ma quale carr'attrezzi!
Perozzi: S'aveva in pugno!
Necchi: La fava, 'vu avevate in pugno! Come se fosse la prima volta che vi scoprono....
Mascetti: Ma quando mai è successo...
Necchi: E quel capomastro che ti ruppe il naso?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Il bello della "zingarata" è proprio questo: la libertà, l'estro, il desiderio. Come l'amore: nasce quando nasce e quando non c'è più è inutile insistere, non c'è più.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Ma poi è proprio obbligatorio essere qualcuno?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Io restai a chiedermi se l'imbecille ero Io che la vita la pigliavo tutta come un gioco, o se invece era lui che la pigliava come una condanna ai lavori forzati, o se lo eravamo tutt'e due.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il professor Sassaroli (Adolfo Celi)
Anch'io ho sofferto, ho sofferto come un cane: per quasi tre quarti d'ora.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Luciano, il figlio di Giorgio (Mario Scarpetta)
Ma quando cresci, babbo? Quando la smetti di fare l'imbecille?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rambaldo Melandri (Gastone Moschin)
Porca puttana! Come vorrei che venisse fuori un funeralone da fargli pigliare un colpo a tutt'e due quei lì: e migliaia di persone, tutte a piangere, e corone, telegrammi, bande, bandiere, puttane, militari...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Descrivimi minuziosamente come sono fatti i tuoi capezzoli.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Non so se l'imbecille sono io che non prendo nulla sul serio o lui che prende la vita come una condanna ai lavori forzati o se lo siamo tutti e due.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Bisogno sempre... elemosina mai
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Quando penso alla carne della mia carne, chissà perché, divento subito vegetariano.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
E poi è vero, oggi non mi va di stare solo: ci vorrebbe qualcuno con cui ridere, parlare. Ma non una puttana: un amico. Ecco, gli amici: quelli sì! Ho proprio una gran voglia di vederli, di star con loro...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il professor Sassaroli (Adolfo Celi)
Donna nana, tutta tana.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Portiere dell'albergo: Mi scusi... Dica, lei!
Mascetti: Eh? Antani, come se fosse Antani, anche per il direttore, la supercazzola con scappellamento!
Portiere dell'albergo: Come?
Mascetti: A destra, per due!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il professor Sassaroli (Adolfo Celi) e Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Sassaroli: E lui, cosa si sente?
Mascetti: Professore, non le dico! Antani, come trazione per due anche se fosse supercazzola bitumata, ha lo scappellamento a destra!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Se è per questo tu li hai rotti fin da bambino.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Ma che, è morto sul serio?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Perché vedi, tu sei giovane, e hai diritto di essere incosciente. Ma io no, no! Capisci?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Giorgio Perozzi (Philippe Noiret)
Prete: Dimmi, figliolo.
Perozzi: Sbiliguda venial... Con la supercazzola prematurata.
Prete: Come, figliolo?
Perozzi: Confesso, come foss'antani, con lo scappellamento... A destra e... Costantinato ammaniti.
Prete: Quante volte, figliolo?
Perozzi: Fifty-fifty per la fine... Come fosse mea culpa... Alla supercazz...
Prete: Ed io ti assolvo, dai tuoi peccati.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rambaldo Melandri (Gastone Moschin) e Il professor Sassaroli (Adolfo Celi)
Melandri: Se invece che in un dramma fossimo in una commedia sofisticata, a questo punto il protagonista direbbe all'antagonista: professore, son venuto a chiederle la mano di Sua moglie.
Sassaroli: Se la prenda pure, ma a una condizione: che si prenda anche il cane!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Il conte Lello Mascetti (Ugo Tognazzi)
Mascetti: Mi scusi dei tre telefoni qual è come se fosse tarapia tapioco che avverto la supercazzola? Dei tre…!
Infermiera: Come?
Mascetti: Non m'ha capito bene, volevo dire dei tre telefoni qual è quello col prefisso?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase »
Amici miei | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea
  2° | ggg414
  3° | simone
  4° | i'lumo
  5° | benny
  6° | francesco di benedetto
  7° | paolo 67
  8° | pisciulino
  9° | joker 91
10° | radam
11° | evildevin87
Nastri d'Argento (5)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità